Servizio Pubblico, Berlusconi vince lo scontro con Santoro

Print Friendly, PDF & Email
Read Time3 Minute, 17 Second

di Pierfrancesco Demilito

Dopo 12 lunghi anni Michele Santoro e Silvio Berlusconi si sono incontrati nuovamente, lo scorso giovedì, in uno studio televisivo, ma il conduttore di Servizio Pubblico non è riuscito a  matar el toro, anzi dal toro ha ricevuto più di qualche incornata. Santoro, Travaglio, Innocenzi e Costamagna sono apparsi decisamente sottotono e se non fosse stato per lo spumeggiante ex premier, in ottima forma, la trasmissione sarebbe stata soporifera.

Per buona parte della puntata è sembrato che Santoro e Berlusconi flirtassero, Travaglio ha sfruttato la sua prima apparizione davanti al Cavaliere per domandare chiarimenti su doni e favori ad alcune papi girls e, con Ruotolo relegato al ruolo di quarto uomo con il cronometro in mano, le domande della Innocenzi e della Costamagna non sono riuscite a pungere davvero il leader del Pdl.

Il vero colpo di teatro, dunque, arriva da Berlusconi che, dopo la lettura della “seconda lettera di Travaglio al Premier”, questa più concentrata su i processi di Dell’Utri e sugli indagati del Popolo della Libertà, si appropria della scena e anche della scrivania del giornalista del Fatto, realizzando il sogno di buona parte del suo elettorato: rivolgersi a Travaglio leggendo una lunga lettera piena di dati, sentenze e numeri. Inizia con «Io sono il suo core business» e strappa subito un sorriso a tutti e anche al destinatario della missiva, poi continua con il lungo elenco delle condanne civili raccolte da Travaglio a causa dei suoi articoli. Santoro riesce a resistere qualche minuto ma dopo un po’ sbotta e lo interrompe.

E’ vero, l’inizio della missiva è scoppiettante, ma pian piano perde appeal e diventa noiosa. Probabilmente Berlusconi, da grande uomo di comunicazione quale è, nell’interruzione del conduttore ci sperava. L’interruzione di Santoro è un goal di Berlusconi, l’ex premier sfoggia un’esultanza degna di Gabriel Omar Batistuta e sul conduttore scarica la sua “mitragliata”: “Santoro dovrebbe andarsene”, gli urla ironico. Il giornalista ormai è alle corde e attacca replicando “lei ha violato i patti, avevamo deciso di non entrare nel merito dei processi”. Un’altra rete del Cavaliere, 2 a 0.

Berlusconi, però, non si accontenta e si “avventa” nuovamente su Travaglio, dopo averlo scalzato dalla sedia che temporaneamente gli aveva ceduto, e spolvera lo scranno prima di riaccomodarsi. Un gesto che corre sul sottile confine tra ironia e offesa, un atto probabilmente non condivisibile ma che manda in estasi i berlusconiani. Un gesto che segna la definitiva vittoria di Silvio Berlusconi sulla redazione di Servizio Pubblico.

La vittoria del Cavaliere appare evidente anche ai lettori di Mediapolitika che hanno partecipato al sondaggio lanciato sul nostro sito il giorno dopo la trasmissione andata in onda su La7. Hanno votato 270 lettori e il 71% ritiene che Berlusconi si sia aggiudicato il match, il 25% assegna la vittoria a Santoro e alla sua redazione, mentre il 4% non si è interessato della vicenda.

È evidente che per avere ospite in studio il personaggio politico del momento si debba scendere a compromessi, una pratica comune a tutti i talk, compreso quello del duro e puro Santoro, che pur di fare il 33.58% di share ha accettato di non porre alcune domande. Non riusciamo, però, a capire perché, pur non entrando nel merito dei processi, non sia stato chiesto a Berlusconi conto, ad esempio, di tutti quei provvedimenti che hanno favorito la diffusione della precarietà in Italia, se si sente responsabile delle difficoltà che da ormai tempo bloccano lo sviluppo industriale nel nostro Paese, cosa pensa una volta per tutte dell’evasione fiscale, quale soluzione proporrebbe per la vicenda Ilva di Taranto e come si confronterebbe con le tante vertenze aperte presso il Ministero dello sviluppo economico.

Niente di tutto questo, Santoro lascia il suo ospite troppo libero, non riesce a pungere e finisce per fare il suo gioco lasciandogli troppo terreno. La partita la vince 3 a 0 Berlusconi, anzi 0 a 3 visto che giocava fuori casa.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

One thought on “Servizio Pubblico, Berlusconi vince lo scontro con Santoro

  1. purtroppo e’ proprio cosi’ anche Santoro ci e’ cascato , non ha resistito a fare il pieno di ascolti ma sono certa che ha perso molto in stima almeno da parte di tutti quelli che tifavano per lui ,in tutti quelli che lo hanno sostenuto nel momento piu’ delicato della sua cacciata dalla rai ,in quelli che hanno versato i 10 euro per farlo andare avanti!Non avrebbe dovuto ospitarlo cosi’ ci saremmo risparmiati di assistere a quella farsa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles