USA e spoil system. Tutti gli uomini del Presidente Trump

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 9 Seconds

Continuano gli annunci sulle nomine nell’entourage del presidente eletto Trump. Uno spoil system da 4000 posti.

Continua il totonomine per le figure chiave della presidenza Trump. I posti vacanti da riempire nello spoil system sono circa 4000, di cui 1000 dovranno essere approvati dal Senato. I 50 posti chiave pare saranno riempiti da persone che non hanno mai partecipato in passato a gabinetti di altri Presidenti. Tra le possibilità, infatti, spuntano grandi nomi dal mondo dell’industria e del mercato, nonché di attivisti conservatori. In pochi, quindi, avranno il pedigree politico, in linea con le dichiarazioni di Trump di voler combattere la corruzione politica della classe dirigete di Washington.

Altri due i nomi e le cariche ufficializzate durante il giorno del Ringraziamento, giovedì 24 novembre. Si riempiono così due caselle in più rispetto a quelle già riempite: si tratta di Don McGahn come consigliere legale della Casa Bianca e Kathleen Troia K.T. McFarlad come vice consigliere per la sicurezza nazionale. Si aggiungono alle nomine già rese pubbliche nei giorni precedenti: Micheal Flynn come consigliere per la sicurezza nazionale, Mike Pompeo come capo della CIA, Jeff Sessions come procuratore generale, Betsy Devos come segretaria dell’Educazione.

Di McGahn Trump ha detto: “Don a una mente legale brillante, un carattere eccellente e una profonda comprensione della legge costituzionale. Giocherà un ruolo critico nella nostra amministrazione, e sono grato che sia disposto e volenteroso di servire il nostro Paese in un impegno così gravoso”. L’avvocato si è dichiarato ben lieto di aiutare un “leader così audace, il cui scopo è di riportare il Paese a uno stato di sicurezza e prosperità economica”. Il compito del nuovo legal counselor sarà probabilmente di risolvere e dipanare eventuali conflitti di interessi che potrebbero nascere tra i doveri di Presidente di Donald Trump e gli interessi che pervengono dalle sue imprese, che si estendono e hanno ramificazioni in tutto il mondo.

La McFarland, invece, è una navigata analista della sicurezza nazionale e una commentatrice di Fox News. Candidata al Senato contro Hillary Clinton, perse il seggio ed in passato è stata molto critica della gestione della politica estera da parte dell’amministrazione di Obama.

Rimangono da riempire i membri del gabinetto. Si vocifera che un posto andrà a Wilbur Ross come segretario del Commercio. L’investitore milionario è definito dai critici come “il re della bancarotta”, per la sua strategia di comprare, ristrutturare e rivendere aziende. Il suo vice potrebbe essere Todd Ricketts, proprietario dei Chicago Cubs e membro di un’influente famiglia di donatori conservatori.

Tra i papabili nominati anche Ben Carson, precedentemente rivale di Trump nella nomination repubblicana alla presidenza.

(di Francesca Parlati)

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles