Serie A. La Roma batte l’Inter, Napoli crollo a Bergamo. Ok la Juventus, show tra Milan e Sassuolo

Print Friendly, PDF & Email
Read Time3 Minutes, 0 Seconds

Foto_Serie-AAnche la settima giornata di Serie A è alle spalle, ora la testa si sposterà agli impegni delle nazionali e il campionato riprenderà spazio da sabato 15 ottobre. Ma andiamo a vedere che emozioni ha regalato il settimo turno.

I posticipi – Si parte dalla domenica tardo pomeriggio – serata, per raccontare le sfide più emozionanti. Alle 18 il Torino si conferma un rullo compressore in casa e dopo aver sfiancato la Roma, batte anche la Fiorentina per 2-1. Il tutto grazie alle reti di Iago Falque e Benassi, inutile la marcatura di Babacar. Tantissimi invece i cuori palpitanti in quel di San Siro, dove Montella e Di Francesco hanno dato vita a una sfida ricca di gol ed emozioni, in pieno stile Zeman. Vantaggio dei rossoneri con Bonaventura, poi il super Sassuolo mette la freccia e con Politano, Acerbi e Pellegrini vola sul 3-1. Agli emiliani manca anche un rigore per netto fallo di Donnarumma su Politano. La partita sembra in ghiaccio per i nero verdi, ma il pazzo Milan prende il presto il sopranome dei cugini dell’Inter e mette in piedi una rimonta storica. Prima il rigore di Bacca, poi l’eurogol del neo entrato e appena maggiorenne Locatelli valgono il 3-3. Non è ancora finita perché lo stacco imperioso di Paletta vale il gol dell’incredibile rimonta.

La serata si chiude poi con le vibranti emozioni dell’Olimpico di Roma, con la squadra di Spalletti che porta a casa 3 punti fondamentali dopo la sconfitta di Torino. Partita, anche questa, ricca di occasioni da gol. La Roma si gode forse il miglior Dzeko mai avuto a disposizione e va in vantaggio proprio per piede del bosniaco su assist di Peres. Poi il palo di Banega, occasioni divorate da Salah e Dzeko, più un miracolo di Szczesny, nonostante tutto questo il primo tempo si chiude 1-0 per i giallorossi. Nella ripresa l’Inter riesce a trovare il gol del pareggio grazie a Banega, prima che Manolas con uno stacco di testa fissi il punteggio sul 2-1. Si ferma nuovamente l’Inter dopo il pari con il Bologna e la sconfitta in Europa League, mentre la Roma va a 13 punti nel gruppone insieme a Lazio, Chievo e Milan.

Il sonnolento pomeriggio –  Non era stato dello stesso livello il pomeriggio domenicale, il quale in attesa dei fuochi d’artificio serali aveva regalato soltanto il caldo pomeriggio di Bergamo, dove un Napoli sottotono ha confermato le evidenti difficoltà lontano dal San Paolo. Il gol di Petagna, giungo al nono minuto, è bastato alla banda Gasperini per avere la meglio della squadra di Sarri. Partita di espulsioni e pochi gol quella andata in scena a Bologna, dove la squadra di Donadoni ha chiuso in 9 e quella di Juric in 10. Ma per la squadra ospite è bastato il gol, il secondo consecutivo, del Cholito Simeone per portare a casa i 3 punti. Vittoria importante nella corsa alla salvezza anche quella del Cagliari che ha la meglio sul Crotone per 2-1: Di Gennaro e Padoin per il Cagliari, Stoian per gli ospiti. Sembrava destinata a un’altra sconfitta la Samp di Giampaolo per mano di Nestorowski, attaccante del Palermo, ma il gol capolavoro di Fernandes salva la Doria.  Alle 12:30 consueta passeggiata bianconera sull’avversario di turno, l’Empoli. 0-3 secco con le reti in 7 minuti di Dybala (primo in campionato), e doppio Higuain.

Gli anticipi – Tutte vittorie esterne quella registrate sabato negli anticipi. Una buona Lazio ha annullato l’Udinese al Dacia Stadium, il tutto grazie ai gol di Immobile (1 a 0 e 3-0) e Keita. Vittoria anche per l’ottimo Chievo di Maran che grazie ai gol di Meggiorini e Inglese ha avuto la meglio sullo spento Pescara di Oddo.

di Cristiano Checchi

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles