MotoGP, Spagna: Rossi monumentale su Marquez, Iannone sperona Lorenzo

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 24 Seconds

Più vicino ai quarant’anni che ai trenta, Valentino Rossi è ancora l’icona più grande del motociclismo e rimane in lotta per la vittoria del mondiale 2016. Il successo del pesarese a Barcellona sul circuito del Montmelò è stata dimostrazione di forza, coraggio, caparbietà e un talento infinito da parte di uno degli atleti più grandi di sempre.

Partiva sfavorito Valentino, quinto in griglia e molto svantaggiato dalla modifica del circuito dopo la tragica morte di Luis Salom, mentre Marquez e Lorenzo erano i grandi protagonisti annunciati del gran premio di casa, insieme ad un Daniel Pedrosa finalmente in palla e terzo in qualifica a completare l’intera prima fila spagnola. E invece Rossi ha giocato il secondo scherzetto stagionale alla Spagna, vincendo un gran premio che lo rilancia anche in chiave mondiale; il numero 46 della Yamaha non è partito benissimo, risucchiato dal gruppone, ma subito combattivo e in grado di scavalcare in poche tornate il futuro compagno di squadra Vinales, poi Pedrosa, quindi Marquez e Lorenzo che nel frattempo parevano aver fatto il vuoto. Il campione del mondo in carica ha lentamente ma inesorabilmente perso terreno, finendo poi speronato da un folle Iannone che lo ha tamponato frenando come non avrebbe dovuto, mettendo entrambi ko e dimostrando un’altra volta che la scelta della Ducati di affiancare nel 2017 Dovizioso a Lorenzo è stata azzeccata. Punti preziosi lasciati da Lorenzo sulla ghiaia di Barcellona, perchè intanto Rossi e Marquez iniziavano una lotta aspra ed avvincente, con lo spagnolo apparentemente in miglior condizione di gomme, ma con l’italiano che, come un mastino, ha respinto ogni assalto del più giovane rivale. Marquez ha attaccato e superato Rossi che però con rabbia e tecnica è tornato davanti  mantenendo la vetta fino alla fine ottenendo la vittoria numero 114 della carriera nel motociclismo, rientrando pure in lotta per il titolo mondiale con Lorenzo ko e Marquez nuovo leader del campionato con 10 punti di vantaggio sul maiorchino e 22 su un Rossi rilanciato in classifica. A fine gara, poi, quello che non ti aspetti, ovvero la stretta di mano fra i due nemici Rossi e Marquez, forse l’inizio di una distensione dopo le polemiche ed i veleni dell’anno scorso.

A Barcellona finisce dietro la lavagna un Andrea Iannone davvero pasticcione e alla quarta caduta in sette gare, un bottino pessimo per un pilota che di talento ne avrebbe pure, ma che non riesce a gestire la foga. Bene invece Vinales, precipitoso all’inizio ma costante nella sua andatura grazie anche alla velocità della sua Suzuki e bravo a conquistare un bel quarto posto alle spalle di Rossi, Marquez e Pedrosa. Anonima, viceversa, la gara di Andrea Dovizioso, settimo e con pochi acuti. In Moto2 ha invece trionfato il campione del mondo in carica Zarco, primo davanti a Rins e Nakagami, mentre in Moto3 primo successo della carriera per lo spagnolo Navarro che ha battuto Binder (leader della classifica iridata) e Bastianini. Prossimo appuntamento ad Assen, in Olanda.

di Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles