Coppa Italia, festeggia la Juve. Dramma Milan

Perché poi alla fine ha vinto la migliore di squadra, la Juve, ma si sa in una finale può succedere e accadere di tutto, ad esempio che quella meno favorita di squadra, ovvero il Milan, faccia tutto quello che non è riuscita a fare e dimostrare in un intero campionato.

morataFanno la voce grossa i rossoneri, disputano una partita di grande tenacia e agonismo contro i campioni d’Italia che sembrano scarichi e ormai pienamente appagati dal quinto scudetto consecutivo vinto poche settimane prima. Ma quando meno te l’aspetti i bianconeri colpiscono grazie a Morata che in scivolata a metà secondo tempo supplementare insacca alle spalle di Donnarumma. Un 1 a 0 che sa di beffa e mentre la squadra di Allegri si prende la scena tra applausi e festeggiamenti sotto il settore occupato dai propri tifosi, quella di Brocchi vede sfumare inesorabilmente l’ultima chanche di entrare in Europa e soprattutto di salvare una stagione iniziata male e finita peggio.

Appalusi e fischi, i primi per una squadra padrona del calcio nostrano e capace di dire la sua anche in Champions League, i secondi per un Milan mai così indietro in classifica, mai così lontano dal calcio che conta. I rossoneri con tutta probabilità cambieranno allenatore, di nuovo, Brocchi, che a  fine partita ha dichiarato di aver visto per la prima volta in campo il suo vero Milan, verrà esonerato così come AllegriSeedorf, Inzaghi e Mihajlovic. Tanti, troppi allenatori cambiati negli ultimi anni segno di una confusione che non ha mai abbandonato Milanello. Una squadra assemblata male e che per tutto il campionato non ha mai trovato il bandolo della matassa, una difesa troppo fragile e lenta, un centrocampo prevedibile e poco dinamico e un attacco, escludendo Carlos Bacca, poco prolifico e con poche idee hanno fatto il resto. E’ tempo di cambiare in casa Milan, lo impone una piazza esigente, lo impone una storia fatta di scudetti e finali di Champions.

Scenario completamente opposto per la Juventus di Allegri, la società bianconera è il più limpido esempio di come programmazione e vittorie vadano a braccetto, è l’esempio perfetto di una squadra mai appagata e sempre affamata. Ennesimo trofeo alzato al cielo in un ciclo di trionfi mai interrotto iniziato con Antonio Conte e continuato con Massimiliano Allegri. Le cessioni di Vidal, Pirlo e Tevez della scorsa estate avevano messo in allarme tutto l’ambiente bianconero, ma la squadra, grazie a una società competente ed estremamente organizzata, ha saputo rinnovarsi negli uomini e negli stimoli. Una squadra con molti margini di miglioramento vista la giovane età dei suoi talenti più puri come Paul Pogba e Paulo Dybala. La società bianconera interverrà sul mercato sicuramente a centrocampo visto l’infortunio di Claudio Marchisio ma anche in attacco per la quasi certa partenza di Alvaro Morata per il quale il Real Madrid sfrutterà il diritto di re-compra. Juve e Milan, due compagini diverse e distanti ad oggi anni luce, la prima protagonista sia in Italia che in Europa, la seconda, nobile decaduta, alla ricerca di riscatto dopo anni avari di soddisfazioni.

di Claudio Serratore

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *