Serie A. Occasione per il Napoli, la Juve pareggia a Bologna. Fiorentina, Roma e Inter ok, la Samp ora trema

26esima giornata di Serie A, la Juventus rallenta ora il Napoli ne può approfittare. Dal caos Totti-Spalletti ne esce una buona Roma che vince 5-0 col Palermo. Intanto Genova sponda blucerchiata trema

Foto_Serie-ASi ferma la Juventus allo stadio dall’Ara, la vecchia signora impatta 0 a 0 contro il Bologna di Roberto Donadoni. La partita, giocata venerdì sera per consentire alla Juventus di preparare nel migliore dei modi l’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Bayer Monaco, ha messo in luce un’ottima forma dei rossoblù che hanno e non poco creato problemi a Dybala e compagni. Una partita fisica e senza tante emozioni, accesa solo nel finale dal forcing dei bianconeri che però non hanno trovato la via del gol.

Alla luce dei fatti, se il Napoli riuscisse a strappare i tre punti questa sera nel monday night contro il Milan allo stadio San Paolo tornerebbe di nuovo prima a più uno dalla squadra di Allegri. Continua a vincere anche la Fiorentina di Paulo Sousa, i viola espugnano Bergamo con un’ottima prova di gruppo per 2 a 3, valzer di gol nel secondo tempo, sblocca Fernandez, raddoppia Tello, poi Conti accorcia le distanze ma la chiude Kalinic all’87 esimo, inutile il gol di Pinilla in pieno recupero. I toscani raggiungono quota 52 punti e mantengono la terza posizione in classifica. Tiene il passo la Roma di Spalletti che fa il pokerissimo in casa contro il Palermo guidato nuovamente da Iachini, i siciliani non entrano mai in partita con i giallorossi che fanno ciò che vogliono conquistando la quinta vittoria consecutiva. Mattatore della serata Edin Dzeko, il bosniaco a dirla tutta, sullo 0 a 0, sbaglia un gol impossibile ma poi si riprende e firma la prima doppietta con la Roma così come Salah, alla fiera del gol partecipa anche Keita. Una vittoria che, però, non cancella il clima surreale dell’Olimpico che nei primi minuti fa sentire tutta la sua vicinanza  a Totti nella vicenda che lo ha visto escluso dalla lista dei convocati di Spalletti.

Vince anche l’Inter che sale a 48 punti, i nerazzurri s’impongono per 3 a 1 contro una Sampdoria intraprendente ma sciupona, fa 1 a 0 D’ambrosio a metà primo tempo, Miranda e Icardi nel secondo tempo mettono in ghiaccio il risultato, nel recupero Quagliarella firma il gol della bandiera. Pareggio a reti bianche tra Frosinone e Lazio, al Matusa partita noiosa e spigolosa con poche emozioni. Una sola occasione per i biancocelesti nel secondo tempo con Milinkovic, troppo poco per una squadra che vuole risalire in classifica e conquistare un posto utile per l’Europa League. Risultato pirotecnico in Sassuolo-Empoli, al Mapei Stadium condita da due espulsioni (Missiroli e Tonelli). Vanno in vantaggio i toscani con Zielinski, pareggia subito Berardi. Poi nei primi minuti del secondo tempo dilagano gli emiliani con una doppietta di Defrel, Maccarone dal dischetto accorcia le distanze a 20 minuti dalla fine ma a Reggio Emilia finisce 3 a 2. Nelle altre partite, scialbo 0 a 0 tra Torino e Carpi, con Maxi Lopez che dagli 11 metri fallisce l’occasione dell’1 a 0 mentre il Genoa s’impone per 2 a 1 in casa contro l’Udinese, primo vantaggio dei friulani con Adnan, i liguri ribaltano con Cerci e Laxalt, al 90 esimo clamoroso errore di Di Natale che si fa parare un rigore da Perin. Nel derby di Verona, l’Hellas conquista la seconda vittoria in campionato vincendo per 3 a 1 contro il Chievo, gol di Toni, Pazzini, Ionita e Pellissier.

di Claudio Serratore

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *