Atp Halle. Trionfo Federer contro un grande Seppi

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 40 Seconds
Federer per l'ottava volta campione ad Halle
Federer per l’ottava volta campione ad Halle

Domenica è stato il turno della finale del Gerry Weber Open, meglio conosciuto come torneo di Halle. Campo in erba, da quest’anno passato ad essere da 250 ad Atp World Tour 500 series. Nel corso degli anni il torneo ha assunto una grande importanza poiché precede, storicamente insieme al Queens e Hertogenbosch’s, e da quest’anno insieme a Stoccarda, l’evento tennistico che si aspetta con più trepidazione: Wimbledon, sul cui prato hanno fatto la storia i grandi campioni della racchetta.

Protagonisti nell’ultimo atto: Roger Federer e Andreas Seppi. Lo svizzero, tanto per gli appassionati quanto per i neofiti di questo sport, non necessita di presentazioni. Ha disputato ben dieci finali su questo campo, vincendone otto compresa quest’ultima, trionfando così consecutivamente negli ultimi tre anni. Si è affermato come leader assoluto sulla bacheca del torneo e di quelli giocati sul verde. L’altro, l’italiano Andreas Seppi, che invece, dopo i ritiri dei rispettivi avversari nei quarti di finale e nella semifinale, si è trovato a giocare la sua prima finale di un torneo ATP 500. Dato per pasto sacrificale del grande campione, si è invece rivelato uno sfidante all’altezza. Ha dato prova di un buonissimo tennis duettando a suon di colpi difficili col “Re”, sua maestà Roger. Ha meritato quindi di giocare la finale, rispondendo sul campo a coloro che malignamente snobbavano il numero 45 nel ranking Atp (da oggi nuovo numero 1 d’Italia). Entrambi trentenni, similari nel carattere pacato, serio, e di una lunga carriera alle spalle, hanno regalato un bello spettacolo, ed il pubblico presente ha apprezzato decisamente, dandone prova con numerosi applausi.

La particolarità dell’edizione del 2015 del torneo tedesco è che si sono trovati a competere per il primato due atleti che, spinti da motivazioni ben differenti, si sono dati battaglia per trionfare in un match esauritosi in due soli set. Non sono mancate belle giocate e sorprese, infatti, nel primo set, mentre si stavano esprimendo con sostanziale equilibrio, alternato da ottimi colpi da parte dell’italiano che sembravano far vacillare un titano come Federer, riportando alla mente l’ultimo incontro tra i due, avvenuto agli Australian Open, in cui proprio Seppi ebbe la meglio, è iniziata a venir giù qualche goccia di pioggia. La decisione di utilizzare la copertura mobile del centrale di Halle è stata quasi immediata, anche su volere dei due protagonisti. Per chiudere il primo set lo svizzero ha avuto bisogno del tie break, chiuso 7-1 grazie a una serie di  colpi ingiocabili. Nel secondo set Seppi è rimasto in partita salvandosi più volte con il servizio, primo di cedere nel decimo gioco: 7-6 6-4 il punteggio finale.

Anche se ha giocato con cuore e testa, con la consapevolezza di aver battuto il suo avversario nel finire di gennaio a Melbourne, Seppi ha dovuto inchinarsi ha chi ha alzato l’86esimo titolo in carriera. Una leggenda vivente che proverà a ripetersi tra pochi giorni, avendo dato prova di stare in forma. A Wimbledon sarà molto più difficile dato che ci saranno a competere i più forti, ma Federer tenterà ancora una volta di dimostrare il suo spessore. Cercherà di rimanere in vetta, sull’olimpo degli dei di questo sport, dove merita di restare ancora per molto tempo.

di Marco D’Urso

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles