Brasile 2014. Olanda-Argentina sarà Robben contro Messi

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 26 Seconds

di Giovanni Fabbri

MessiTutti aspettavano di vedere Messi contro Neymar. L’ultimo atto del Mondiale brasiliano sarebbe dovuto essere il duello tra il giocatore più forte del mondo, paragonato spesso e volentieri al mito Maradona, e il fenomeno del calcio brasiliano, il genio etichettato dallo stesso Pelè come suo erede. Invece non sarà così. Non perché Brasile o Argentina sono state eliminate dalla competizione, anzi le due formazioni sono in semifinale, ma in caso in cui entrambe dovessero centrare la finalissima uno dei due protagonisti annunciati non sarà dell’incontro. Dopo aver subito il fallo di Zuniga, Neymar ha riportato la rottura della terza vertebra lombare. Ecco allora che l’uomo copertina della manifestazione diventa Messi, è lui il giocatore più atteso dopo l’uscita di scena del rivale e compagno di squadra al Barcellona. Solo due partite lo separano da un trionfo che sarebbe storico, a lui il compito di portare la Selecion ad una vittoria che avrebbe del clamoroso. Clamoroso proprio come il successo albiceleste del 1986, quando a trascinare la squadra fu Diego Armando Maradona, stella scintillante in una squadra tutt’altro che irresistibile. Il penultimo ostacolo di Messi e compagni si chiama Olanda, una squadra che ha un volto ben preciso, quello del fuoriclasse Arjen Robben.

Nelle ultime due stagioni il talento del Bayern Monaco si è trasformato da brutto anatroccolo, indicato da tutti con il poco gratificante ossimoro perdente di successo, a cigno reale. Un giocatore capace di cancellare la sconfitta in finale di Champions League contro il Chelsea (decisivo il suo errore dal dischetto a pochi minuti dal termine) con il gol vittoria nella finale di Wmbley dello scorso anno. E come se non bastasse si è preso anche una spietata rivincita contro la Spagna, nazionale che quattro anni fa aveva alzato la Coppa del Mondo proprio sotto gli occhi degli olandesi, dopo una gara in cui Robben aveva avuto sui piedi il pallone per portare ad Amsterdam il prestigioso trofeo. Nella prima gara del Mondiale brasiliano l’Olanda ha sconfitto per 5-1 le furie rosse con una doppietta, guarda caso, di un incontenibile Robben. Una sconfitta che risulterà decisiva per l’estromissione prematura dal torneo dei campioni del mondo.

L’Olanda non partirà certamente con i favori del pronostico. I rivali argentini hanno una squadra più esperta e con individualità superiori a quelle della rosa oranje. Una gara che però non può considerarsi già scritta. La qualità degli uomini di Van Gaal può mettere in difficoltà ogni avversario e i colpi di genio dello stesso tecnico (vedi la sostituzione di Cillissen con il pararigori Krul nei minuti finali dell’ultimo match) possono capovolgere l’inerzia di qualsiasi partita. Messi è pronto per caricarsi sulle spalle i suoi compagni e scrivere un’altra indimenticabile pagina di storia calcistica per il suo paese, ma dall’altra parte del campo non ci saranno perdenti di successo. Arjen Robben non vede l’ora di ricordare a tutti che lui non è più il brutto anatroccolo di un tempo.

Foto: Attribuzione Alcuni diritti riservati a calciostreaming

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles