Educazione sentimentale nelle scuole, Sel propone #1oradamore

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 15 Second

di Arianna Catti De Gasperi

Lei lo aveva lasciato, si era trasferita in una nuova casa in cui viveva con suo figlio e a fine maggio ci sarebbe stata la prima udienza per la separazione. Ma Giuseppa Corvi non ha fatto in tempo, la scorsa settimana Franco Rinaldi, suo marito, ha bussato alla porta della sua nuova casa e ancora sull’uscio l’ha uccisa con una martellata, poi ha infierito sul suo corpo senza vita con un coltello.

Quella di Giuseppa è solo l’ultima vita spezzata, in ordine di tempo. Ma che senso ha continuare a parlare di femminicidio se sistematicamente viene affrontato come  atto conclusivo del fenomeno?

Parlare di prevenzione senza ripensare i modelli usati fino ad oggi è inutile, continuare ad affrontare il problema semplicemente in ottica securitaria non ha ancora salvato nessuna vita. E’ necessaria una nuova educazione civica, che inizi a formare le nuove generazioni già nelle scuole.

Da qui nasce #1oradamore, la proposta di legge sull’introduzione dell’educazione sentimentale nelle scuole che vede come prima firmataria la deputata di Sel, Celeste Costantino. Proposta che in un solo giorno ha raccolto oltre 15 mila adesioni sul sito Change.org e al momento ha superato le 22 mila firme.

“Quello che proponiamo – scrive la Costantino sul suo sito – è un diritto scritto nella Convenzione di Istanbul, ratificata all’unanimità in Parlamento, che chiede agli Stati di introdurre l’educazione all’affettività negli ordinamenti scolastici. In Europa è una realtà, in Italia siamo ancora in ritardo. #1oradamore a scuola perché oggi gli stereotipi maschili e femminili invadono il quotidiano sia in ambito pubblico che privato. Se in alcuni casi in ambito privato viene svilito il ruolo della donna ed esasperato quello dell’uomo, la scuola ha il dovere di poter fornire gli strumenti per una lettura paritaria del genere.”

Un’ora di educazione sentimentale nelle scuole di primo e secondo grado, ma non solo. Nell’articolo 3 della proposta di legge presentata dalla deputata di Sel, infatti, si legge: “Le università provvedono ad inserire nella propria offerta formativa corsi di studi di genere o a potenziare i corsi di studi di genere già esistenti, anche al fine di formare le competenze per l’insegnamento di «educazione sentimentale».”

Una scuola nuova, vicina ai veri problemi che la società sta vivendo e che si impegni fortemente per fronteggiarli, per creare davvero cittadini responsabili e rispettosi. Una scuola che sia scuola di vita, di questo abbiamo bisogno in questo momento nel nostro Paese e per questo motivo ci piace #1oradamore. Ministro Giannini, cambi verso alla scuola italiana, se vogliamo davvero cambiare l’Italia bisogna partire da lì, dalle nuove generazioni, da chi verrà dopo di noi e speriamo sia meglio di noi.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles