Serie B, 26.ma giornata: pareggia il Palermo, vince l’Empoli, ribaltoni di panchina per Pescara e Juve Stabia

Una ventiseiesima giornata ricca in serie B, con la capolista Palermo bloccata in casa da uno Spezia gagliardo e tosto e che ha acciuffato il pareggio nelle battute finali grazie ad una perla di Scozzarella su punizione. Del mezzo passo falso dei palermitani approfitta l’Empoli che vince 1-0 in casa del Padova penultimo (gol di Maccarone nel primo tempo) e si porta a sole due lunghezze dal primo posto.

In terza posizione sale il Cesena che in extremis sbanca Carpi per 2-1 dopo aver chiuso in svantaggio il primo tempo. A ruota seguono il Trapani, sontuoso nel 2-0 casalingo contro il Modena in una partita che per i granata di Boscaglia vuol dire tredicesimo risultato utile consecutivo, ma anche il Lanciano che però in casa contro il Latina non va oltre lo 0-0. Amaro in bocca per l’Avellino, in vantaggio con Ciano a Varese e raggiunto in zona Cesarini da un gol contestatissimo dei lombardi (carica irregolare sul portiere irpino Terracciano). Fa un bel balzo in avanti il Crotone che nell’anticipo ha avuto la meglio del Brescia, scavalcando proprio le rondinelle in zona playoff. Bella partita fra Ternana e Siena: umbri avanti 2-0, poi  rimonta dei toscani che agguantano un pareggio meritato ma che in termini di classifica conta ben poco. Conta, invece, e tanto, la vittoria di misura del Bari sul Pescara; un risultato che allontana i pugliesi dalla zona calda della classifica e costa la panchina al tecnico degli abruzzesi, Marino, esonerato al termine della gara dopo aver rimediato la sesta sconfitta di fila per i biancoazzurri; per la sostituzione dell’ex tecnico del Catania si fanno i nomi di Cosmi, Ferrara, Camolese, ma anche di Giacomo Modica, storico vice di Zdenek Zeman, e che potrebbe essere il preludio di un ritorno a giugno del tecnico ceco. Salta di nuovo anche la panchina del fanalino di coda Juve Stabia dove torna Piero Braglia al posto dell’esonerato Pea che paga l’ennesimo pareggio casalingo dei gialloblu, ripresi dal Cittadella dopo il vantaggio iniziale. Nei quartieri bassi della graduatoria, tre punti pesantissimi se li aggiudica il Novara che supera in un drammatico scontro diretto la Reggina; una boccata d’ossigeno vera e propria per i piemontesi che in settimana, a proposito di rivoluzioni in panchina, avevano riabbracciato il vecchio mister Aglietti, richiamato al posto di Calori.

Si muove la testa della classifica marcatori dove Mancosu del Trapani batte il colpo numero 17; Tavano (Empoli) e Caracciolo (Brescia) inseguono a 15, Pavoletti (Varese) resta a quota 14.

Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *