Small and Smart – Un’espressione di architettura contemporanea Slovena

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 51 Seconds

di Arianna Catti De Gasperi

In occasione della firma del Protocollo d’Intesa tra l’Ordine degli Architetti di Lubiana (Slovenia) e l’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, il 16 dicembre 2013, la Casa dell’Architettura di Roma ha ospitato una serata dedicata alla presentazione della serie di cortometraggi di architettura contemporanea slovena.

La Slovenia e l’Italia hanno ottimi e forti legami bilaterali politici, economici e culturali. L’Italia, infatti, si conferma il secondo partner commerciale della Slovenia ed il terzo paese investitore. Inoltre, la Slovenia è il primo partner commerciale italiano nell’area dell’ex- Yugoslavia. Questo grazie anche al fatto che la Slovenia fa parte dell’Unione Europea ormai da quasi un decennio e ha adottato l’Euro già nel 2007 come primo fra i Paesi che hanno aderito all’UE nel 2004.

Come è noto, i legami tra i due paesi sono molto forti, ma c’è ancora il potenziale di implementare nuove forme di cooperazione. A tal fine azioni concrete, come la firma di un Protocollo d’Intesa tra i due Ordini Professionali degli Architetti, rappresentano un passo determinante per l’avvio di un forum di dialogo che si attuerà nel 2014 attraverso un programma di iniziative atte ad incrementare i rapporti professionali, commerciali e culturali, proponendo occasioni di confronto tra realtà così vicine anche territorialmente.

Il progetto è quello di costruire in modo incisivo una solida rete di contatti tra i professionisti – non solo architetti – tra le istituzioni, le imprese di costruzioni e tutti quei protagonisti necessari al rilancio dell’economie comuni in questo ambito.

La presentazione della architettura slovena ha onorato questo atto istituzionale con la proiezione della serie cortometraggi intitolati “Small and Smart” che rappresenta l’ architettura contemporanea nella Repubblica di Slovenia realizzata dopo il 2006. I sei brevi racconti filmati sono semplici storie che si attuano in queste costruzioni “small and smart “, ove l’architettura non è immagine statica, ma dinamica e vivente attraverso le singole vicende. I film, curati e prodotti da Jeff Bickert, ne rivelano e documentano gli spazi architettonici con il mezzo espressivo, secondo il curatore, più adatto a rappresentarli.

Si tratta di progetti e costruzioni di vario genere e di piccole dimensioni, ma attentamente studiati ed intelligentemente formulati nei rapporti ben definiti tra interno ed esterno, tra involucro e materiali. Sono costruzioni semplici ed efficaci: la casa privata, la casa a schiera, l’impianto industriale, il luogo sacro, la facoltà universitaria, l’impianto sportivo.

Tutte singole architetture, realizzate e progettate da studi di architettura di giovane generazione, riflettono le correnti rappresentative contemporanee slovene ed esprimono il rispetto per il contesto e la sapiente abilità nella  ricerca e cura del dettaglio architettonico e nell’impiego dei materiali tradizionali ed innovativi.

Ed  in questi caratteri è possibile riconoscere la tradizione dell’architettura slovena, quale espressione di una più ampia cultura ereditata dai grandi maestri come Jože Plečnik, che ancora si percepisce in queste architetture quale segno di un’appartenenza alla tradizione, ma con grandi capacità di continuare a sperimentare, e Max Fabiani, uno dei fondatori dell’architettura e dell’urbanistica slovena e una personalità d’importanza europea.

All’evento hanno partecipato e sono intervenuti personaggi di grande rilevanza come Livio Sacchi, Presidente Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, Iztok Mirošič, Ambasciatore della Repubblica di Slovenia, e Maja Ivanič, Presidente Ordine  degli Architetti di Ljubljana.

L’evento è un altro passo verso il rafforzamento dei legami dell’Italia verso altri Paesi e certamente non sarà l’ultimo.

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles