Tennis. Wta di Palermo. Finale tutta italiana: trionfa Roberta Vinci su Sara Errani

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 28 Seconds

E’ Terminato ieri il torneo WTA di Palermo che ha visto sfidarsi in finale due grandi amiche: Roberta Vinci e Sara Errani.
Arrivate in finale nel torneo palermitano le due tenniste italiane si sono sfidate apertamente, il match è terminato con una vittoria 6-3 3-6 6-3 a favore di Roberta Vinci, che non batteva l’amica Errani dal 2010 quando nei quarti di finale del torneo austriaco di Linz riuscì ad imporsi con un 5-7 6-3 6-4.

Roberta Vinci va così a conquistare la nona vittoria su dieci finali disputate nel torneo WTA, ma soprattutto conquista ben 280 punti in classifica che l’avvicinano sempre più alla top ten del ranking mondiale.

La partita è stata molto bella e soprattutto è stata giocata apertamente dalle due tenniste, le quali si sono dette entrambe soddisfatte delle rispettive prestazioni; Roberta Vinci si è detta quasi stupita di aver vinto in virtù del fatto che svolge i suoi allenamenti proprio a Palermo e questo, a suo dire, poteva rappresentare un calo nell’agonismo.

Per contro l’Errani ha dichiarato di aver giocato al massimo, ma al contempo la straordinaria prestazione della Vinci le ha impedito di riconquistare il titolo, difatti Sara si trovava a difendere la vittoria ottenuto l’anno scorso nel torneo.

Nota dolente della finale di ieri è la possibilità che nel 2014 non vedremo più il torneo siciliano; benché il monte premi totale non sia troppo elevato (Roberta Vinci ha guadagnato poco più di 30.000€ con la vittoria) il country club siciliano è in passivo ormai da diversi anni e se gli organizzatori non troveranno nuovi sponsor disposti ad investire di più molto probabilmente per il 2014 verrà ceduta la licenza WTA per il torneo.

Tutti ci auguriamo che nel 2014 riusciremo a rivedere le due tenniste italiane sfidarsi nuovamente per la detenzione del titolo.

di Francesco Galati

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles