Moto Gp. A Le Mans è trionfo di Pedrosa, bene Marquez. Rossi 12° dopo una caduta

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 16 Seconds

Il solito Daniel Pedrosa senza mezze misure: o versione missile o versione lumaca innocua. A Le Mans nel gp di Francia, il pilota spagnolo della Honda esibisce la prima maschera, prende il largo sin dall’inizio e nessuno lo vede più per tutti i 28 giri di gara.

Veloce, freddo e sicuro, insomma quando Pedrosa è in giornata non lascia briciole neanche ai passerotti; Dani balza anche al comando della classifica mondiale. Il podio transalpino lo completano un superbo Cal Crutchlow, finalmente ignorato dalla scalogna ed autore di una gara di grande qualità, ed un galattico Marc Marquez, partito sì in pole position e giunto “soltanto” terzo, ma capace di agguantare la terza posizione dopo una gara di sofferenza, raddrizzata nel finale a suon di giri veloci che lo hanno portato al sorpasso di un Andrea Dovizioso, giunto quarto, finalmente competitivo e con una Ducati finalmente guidabile ed affidabile. Il tutto grazie ad una moto coi fiocchi e ad un talento cristallino che porterà il pilota catalano ad essere ricordato come uno dei più grandi interpreti del motociclismo, poichè il classe ’93 ha tutti i crismi del campione vero, del cavallo di razza. Poco importa per il sorpasso di Pedrosa in classifica, perché 6 punti di ritardo sono un’inezia e perché Marc si scopre grande ogni giorno di più.

Si rammarica invece Valentino Rossi, caduto quando era quarto e a stretto contatto con Dovizioso e Crutchlow, e che ha dovuto tagliare il traguardo per dodicesimo, consapevole di aver gettato alle ortiche un’ottima chance per agguantare il podio e per avvicinare i primi posti della classifica piloti. Rossi era in buona giornata, così come la sua Yamaha numero 46, ma ha avuto troppa smania su una pista umida e scivolosa e che lo ha tradito sul più bello. E’ chiaro però che se la moto si confermerà così competitiva anche nei prossimi appuntamenti ci sarà da divertirsi, considerata anche la voglia di riscatto di Valentino.

Da rimarcare anche le prestazioni di Nicky Hayden (bella giornata davvero in casa Ducati) che si piazza quinto, e di Pirro che conclude all’ottavo posto. Male, viceversa, Jorge Lorenzo. Il campione del mondo in carica si accontenta della settima posizione e di una gara grigia come il cielo di Le Mans sotto il quale si è corso. E’ sembrato rinunciatario lo spagnolo, più attento a non finire col sedere per terra piuttosto che ad attaccare chi gli stava davanti; deve stare all’erta Jorge perché se è vero che il campionato è ancora lungo, è altrettanto evidente che Pedrosa e Marquez di aspettare il loro connazionale non ne hanno affatto voglia.

Calato il sipario francese, si attende il prossimo 2 giugno che si alzi quello italiano del Mugello per un altro rombante fine settimana a due ruote.

Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles