Rugby. Mondiali 2015: ecco i calendari, per l’Italia esordio a Twickenham contro la Francia

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 10 Seconds

Mancano ancora due anni e mezzo all’inizio della manifestazione, ma quella passata è stata una settimana molto importante in vista dei Mondiali di rugby del 2015.

Sono infatti usciti i calendari degli incontri della rassegna iridata che si giocherà in terra inglese, la patria di questo sport. Gli azzurri, inseriti nel girone D, si troveranno ad affrontare la grande Francia (battuta quest’anno al Sei Nazioni), l’Irlanda, la nazionale che meglio si qualificherà nel girone americano (probabilmente una tra Stati Uniti e Canada) e la nazionale che uscirà fuori dal girone Europa 2 (Romania o Georgia). L’esordio del quindici azzurro avverrà nel tempio del rugby, lo stadio di Twickenham, sabato 19 settembre, il giorno successivo alla partita inaugurale. La seconda sfida vedrà la nostra nazionale scontrarsi con Canada o Stati Uniti il 26 settembre nella casa del Leeds United di calcio, l’Ellan Road. Otto giorni dopo, domenica 4 ottobre, sarà la volta dell’Irlanda che affronterà gli azzurri in un altro monumento dello sport inglese, lo stadio Olimpico di Londra. La partita sarà probabilmente fondamentale perchè potrebbe essere un vero e proprio spareggio per l’accesso ai quarti di finale. Il quarto incontro, l’ultimo del girone, ci proporrà Romania o Georgia e si giocherà l’11 ottobre a sud-ovest dell’Inghilterra, nel Devon, al Sandy Park. Un calendario dunque che propone sempre ai giocatori azzurri almeno sette giorni di riposo tra una partita e l’altra.

Aspetto fondamentale secondo il ct Jacques Brunel: “Sette-otto giorni tra le varie partite, questo sarà sicuramente importante per preparare al meglio ogni singola gara. Francia e Irlanda sono le avversarie più temibili del girone, ma al Mondiale, come del resto in ogni test-match internazionale, non potremo permetterci di sottovalutare nessun avversario. Giocheremo in due stadi unici al mondo Twickenham e l’Olimpico, ma soprattutto stiamo parlando di un mondiale che si giocherà nella patria del rugby”. Anche il capitano Sergio Parisse sembra particolarmente emozionato di disputare il Mondiale in Inghilterra: “La scorsa estate ho seguito i Giochi di Londra in tv, provando invidia per gli atleti impegnati in uno stadio magnifico come l’Olimpico, non vedo l’ora di giocarci”. Già grande attesa dunque per una manifestazione che, nonostante sia ancora molto lontana, si preannuncia spettacolare e combattutissima. Le favorite saranno sempre le solite: l’Inghilterra e l’Australia (inserite entrambe nel Girone A), il Sud Africa (Girone B), gli All Blacks della Nuova Zelanda (impegnati nella Pool C) e infine la Francia che come detto è stata inserita nel girone degli azzurri. Per l’Italia la speranza è quella di disputare una bella competizione cercando di uscire a testa alta, un obiettivo che, come visto nel Sei Nazioni di quest’anno, con Brunel in panchina è tutt’altro che irraggiungibile.

Giovanni Fabbri

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles