Internazionali d’Italia, Federer – Nadal la finale per tutti

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 16 Seconds

E Federer Nadal sia. La più attesta, quella voluta, quella cercata. La finale degli Internazionali di Roma 2013 rappacifica i nostalgici con il tennis, fa felice chi appena estratti i tabelloni di ogni torneo la prima cosa che va a controllare è quando si possono incrociare Federer e Nadal. Tutti accontentati, alle 16, per la trentesima volta, sarà Federer – Nadal.

Sono passati 9 anni dalla prima sfida tra i due, nel marzo 2004 il palcoscenico delle prima sfida, che avrebbe poi segnato il tennis mondiale per il decennio a venire, fu Indian Wells.  Il doppio 6-3 che lo spagnolo rifilò a quello che da 9 mesi era il nuovo numero uno del tennis sconvolse un po’ tutti e diede il via alle 19 sfide vinte da Rafa e alle 10 vinte da Roger. Ma il precedente che più attira in vista di questo pomerggio, vivo nel ricordo di tutti, è quello del 2006, la loro unica finale al Foro Italico.

Quella che non finiva mai, 5 ore e 5 minuti di grande gioco, quella vinta da Nadal, dopo aver salvato due match point, che diede forse il via alla sofferenza dello svizzero nei riguardi di Nadal. Si è preso le sue rivincete, Roger, è ovvio, come Wimbledon 2006 e 2007, mentre Nadal comunque continuava a vincere a Parigi. Ma è anche vero che le sconfitte più dolorose per Federer sono arrivate dal mancino di Manacor, come Wimbledon 2008, il Roland Garros del 2008 o l’Australian Open del 2009. Quando Nadal consolò un Federer in lacrime per quel 14esimo slam mancato. La paura di non riuscirci attanagliò lo svizzero in quel quinti set, ma nel corso di quell’anno arrivò la prima volta al Roland Garros contro Soderling, che a sorpresa eliminò un Nadal malconcio, e si riprese il suo Wimbledon.

Anche Roger è stato però capace di fare male a Nadal. Come nel 2007, quando pose fine alle 81 vittorie di fila sulla terra rifilandogli anche un clamoroso 6-0 ad Amburgo; in quell’anno Federer chiuse per la prima volta in vantaggio negli scontri diretti (3-2) complice anche la partita più breve tra i due: 64 6-1 in 59 minuti. Nel 2011 furono protagonisti nell’unico slam senza Djokovic in finale, eliminato proprio da Federer. Lo svizzero perse in 4 set, dopo non aver chiuso il primo quando era avanti 5-1. Gli ultimo due incontri, entrambi a Indian Wells, come il primo, non sono stati tra i più memorabili. Quello del 2013, arrivato un anno dopo quello del 2012 per via dell’infortunio di Nadal, è volato via senza lasciare traccia anche per colpa del problema che affliggeva la schiena di Federer (6-4 6-2 Nadal). Tra poco più di un’ora sul centrale si aspetta però tutt’altro match per vederere chi sarà il nuovo (o vecchio) Re di Roma, per scoprire in quale parte di queste 29 sfide passate potrà essere catalogata la finale degli Internazionali di Roma 2013.

Cristiano Checchi

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles