Secondo il quotidiano Hürriyet, i mezzi comunicazione turchi, dal 2010 al 2014 hanno visto recapitarsi oltre centocinquanta “ordini di non pubblicazione”, in relazione a morti di civili, casi di corruzione, diffusione del contenuto di intercettazioni, le tragedie nelle miniere di Soma...