Us Open 2016. Wawrinka e Kerber: quando non è mai troppo tardi per vincere

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 25 Seconds

wawrinkaStanislas Wawrinka e Angelique Kerber. L’ultimo Slam della stagione ha visto due protagonisti piuttosto inattesi. Due belle sorprese che però non possono essere considerati delle novità del mondo del tennis, anzi. Il campione svizzero ha ottenuto il record di giocatore più anziano ad aver portato a casa il trofeo americano. La tedesca è invece riuscita a porre fine al dominio assoluto di Serena Williams: da oggi è lei la nuova numero uno al mondo, la giocatrice più anziana che sia mai riuscita ad ottenere per la prima volta la vetta del ranking mondiale.

Il 31enne giocatore elvetico ha battuto Novak Djokovic in quattro combattutissimi set, riuscendo a mettere in mostra tutte le sue migliori qualità. Le caratteristiche che agli occhi degli appassionati della racchetta lo hanno reso celebre con il soprannome di Stanimal. Potenza, precisione e furore agonistico, un mix devastante anche per il numero uno al mondo.

La ventottenne di Brema ha invece trionfato con qualità completamente diverse: regolarità, intelligenza tattica ed esperienza, le armi migliori a sua disposizione per arginare la veemenza della Pliskova, un’avversaria in ascesa dal punto di vista fisico e della mentalità. Una partita che l’ha vista ad un passo dalla sconfitta, quando nel terzo set si è ritrovata in svantaggio di un break. Poi uno strepitoso lungolinea di dritto e la capacità di ribaltare l’inerzia della partita, per un’emozione che può essere catalogata come la più grande della sua bella carriera.

Esperienza e sorprese. Così potrebbe essere sintetizzata l’edizione 2016 degli US Open.  Due belle favole che solo lo sport è in grado di regalare, due esempi di storytelling che in futuro regaleranno emozioni ancora più grandi a tutti i giovani appassionati di tennis.

di Giovanni Fabbri

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles