Rio 2016, effettuato il sorteggio per le Olimpiadi: nessuno rischio USA in caso di qualificazione

Print Friendly, PDF & Email
Read Time4 Minutes, 57 Seconds

Mancano ancora più di 4 mesi all’inizio delle Olimpiadi di pallacanestro, ma la FIBA ha già provveduto a sorteggiare i due gironi.

RioStruttura del torneo – Una competizione addirittura più elitaria del mondiale, lì si qualificano 16 squadre, ai Giochi solo 12. Le nazionali contendenti sono state divise in due gironi da 6 team, si qualificano le prime 4 per i quarti di finale, con un sistema che incrocia in questo modo le squadre: prima gruppo A contro quarta gruppo B, seconda gruppo A contro terza gruppo B, terza gruppo A contro seconda gruppo B, quarta gruppo A contro prima gruppo B. Nel gruppo 1 sono presenti i campioni in carica, nonché campioni del mondo US Team, nel 2 i padroni di casa del Brasile. Si giocheranno tutte le partite alla Carioca Arena di Rio, un arena polifunzionale da 16.000 posti. Si parte il 6 Agosto con il match d’apertura che verrà disputate tra due squadre del primo girone, una sarà certamente l’Australia, l’altra ancora da definire, per poi concludere la manifestazione con la finalissima di Domenica 21 Agosto, segnatevi con un circolo rosso sul calendario questa data perché con le squadre che si presenteranno il talento non mancherà.

USAChi è qualificato – 9 nazionali già hanno prenotato il viaggio in Brasile. Oltre ai padroni di casa ci saranno i campioni in carica e campioni del mondo degli Stati Uniti, al momento nessuna avversaria sembra impensierirli, c’è curiosità nel vedere insieme le due super star del momento giocare insieme, Steph Curry e LeBron James, entrambi protagonisti nelle ultime vittorie degli USA, ma mai insieme, Curry infatti non  era presente alle Olimpiadi di Londra, mentre LeBron non ha partecipato ai mondiali in Spagna. Coach Mike Krzyzewski ha già provveduto alla convocazione di 30 giocatori:  i tre volte medaglia d’oro Carmelo Anthony (New York Knicks) e LeBron James (Cleveland Cavaliers), più LaMarcus Aldridge (San Antonio Spurs), Harrison Barnes (Golden State Warriors), Bradley Beal (Washington Wizards), Jimmy Butler (Chicago Bulls), Mike Conley (Memphis Grizzlies), DeMarcus Cousins (Sacramento Kings), Stephen Curry (Golden State Warriors), Anthony Davis (New Orleans Pelicans), DeMar DeRozan (Toronto Raptors), Andre Drummond (Detroit Pistons), Kevin Durant (Oklahoma City Thunder), Kenneth Faried (Denver Nuggets), Rudy Gay (Sacramento Kings), Paul George (Indiana Pacers), Draymond Green (Golden State Warriors), Blake Griffin (Los Angeles Clippers), James Harden (Houston Rockets), Gordon Hayward (Utah Jazz), Dwight Howard (Houston Rockets), Andre Iguodala(Golden State Warriors), Kyrie Irving (Cleveland Cavaliers), DeAndre Jordan (Los Angeles Clippers), Kawhi Leonard (San Antonio Spurs), Kevin Love (Cleveland Cavaliers), Chris Paul (Los Angeles Clippers), Klay Thompson (Golden State Warriors), John Wall (Washington Wizards) e Russell Westbrook (Oklahoma City Thunder). Sarà difficile sceglierne solo 12, sicuramente ci sarà più di qualche scontento e probabilmente anche la seconda squadra americana per talento avrebbe potuto scendere in campo a Rio 2016. Nel gruppo A oltre a loro presenti anche i campioni dei giochi panamericani del Venezuela (competizione in cui gli USA non hanno partecipato), i campioni asiatici della Cina ed i campioni oceanici dell’Australia. Completeranno il gruppo A le vincenti del torneo preolimpico che si disputerà in Serbia (un posto da conquistare per una tra Serbia, Angola, Porto Rico, Giappone, Repubblica Ceca e Lattonia) e di quello che si giocherà nelle Filippine (un qualificata tra Filippine, Turchia, Senegal, Canada, Francia e Nuova Zelanda). Passiamo ora al secondo girone, già citato il Brasile padrone di casa, che dovrà vedersela con i campioni d’Europa della Spagna (vera contendente per la medaglia d’oro degli Stati Uniti), i vicecampioni europei della Lituania (eliminarono l’Italia orfana di Datome e con Bargnani a mezzo servizio ai quarti di finale), i campioni africani della Nigeria ed i vicecampioni argentini ai giochi panamericani. Anche in questo girone uno slot è ancora da definire, sarà quello della nazionale vincente del torneo preolimpico che sarà disputato in Italia a Torino, per conquistarci Rio, come ben sapete dovremmo vedercela con Grecia, Messico, Iran, Tunisia e Croazia, ne passa solo una, ma il tempo corre e l’Olimpiade sembra sempre più vicina. Da sottolineare anche come nonostante il pesante infortunio di Gallinari, che termina per l’ennesima volta la stagione NBA per colpa di un problema fisico, l’ala milanese ha garantito la sua presenza per le qualificazioni. Non ci resta che tifare e sperare in un suo pronto recupero per il 4 Luglio match d’esordio contro la Tunisia, lì si inizierà a fare sul serio ed in una settimana sapremmo il destino dell’Italia cestistica, se ci toccherà vedere i Giochi in Tv o se li giocheremo anche noi.

Sorteggio femminile – Effettuato il sorteggio anche per il campionato olimpico femminile, anche in questo caso ci saranno 12 squadre divise in 2 gruppi da 6 team, ci si qualifica con gli stessi criteri, nel gruppo A saranno protagoniste le padrone di casa del Brasile, le campionesse asiatiche del Giappone e le campionesse dell’Oceania dell’Australia, più tre nazionali che si qualificheranno nel torneo preolimpico di Nantes. Il gruppo B invece sarà formato dalle campionesse mondiali degli Stati Uniti, le vincitrici dei giochi panamericani del Canada, le campionesse europee Serbe e quelle africane del Senegal, più due nazionali che proverranno dal torneo di Nantes di cui scritto in precedenza. E’ infatti diverso il formato del torneo preolimpico femminile lo giocano 12 squadre divise in quattro girone da tre nazionali, il gruppo A è composto da: Cuba, Nuova Zelanda e Francia. Il B da: Camerun, Turchia e Argentina. Il C da: Bielorussia, Corea del Sud e Nigeria. Il D da: Venezuela, Spagna e Cina. Le prime 2 di ogni gruppo si qualificano per i quarti di finale, che vince il quarto di finale stacca il pass per Rio, le altre quattro poi giocano semifinali e finali per l’ultimo posto Olimpico, un percorso lungo e tortuoso anche per le donne in cui purtroppo non vedremmo le azzurre che agli europei furono eliminate nella prima fase.

Ancora da sorteggiare invece i gironi del torneo Paralimpico di Rio, purtroppo in questo caso non presenzieranno ne azzurri ne azzurre, poiché già sono noti i nomi delle 12 finaliste ed in nessun caso l’Italia ha staccato il pass per il Brasile.

di Flavio Sarrocco

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles