Close

Media Politika Settimanale Online

Serie B, 38.ma giornata: il Carpi è in serie A, Frosinone secondo da solo

di Marco Milan

Dopo oltre cento anni di storia il Carpi festeggia la promozione in serie A. Storica e meritata, inaspettata e costruita, alla fine la serie A degli emiliani è un traguardo frutto di tanto lavoro e di un’organizzazione eccellente per una squadra che cinque anni fa arrancava in serie D. Al timone Fabrizio Castori, nono campionato vinto in carriera, un uomo che non avrà l’appeal di Guardiola e Mourinho, nè la faccia tosta di Capello e Conte, ma è un fior di allenatore che, come Sarri lo scorso anno, si è arrampicato faticosamente in serie A a suon di tornei conquistati e a sessant’anni suonati.

Bastava un punto e quello è arrivato. Lo 0-0 casalingo contro il Bari ha permesso al Carpi di chiudere i conti con un campionato fantastico e da oggi prepara l’avventura in serie A con i cugini del Sassuolo e i mostri con le maglie a strisce verticali che giocano a Milano e a Torino. Alle spalle della neopromossa c’è la consueta bagarre che con ogni probabilità durerà fino al termine del torneo: secondo è ora il Frosinone che ha espugnato di misura Terni approfittando della clamorosa sconfitta del Vicenza a Brescia (3-0) che relega i veneti al quarto posto, scavalcati anche dal Bologna che vince 2-0 contro il tranquillo Catania. Tra Frosinone e Vicenza ci sono due punti, poi al quinto posto c’è la coppia Pescara-Spezia: gli abruzzesi battono 1-0 la Pro Vercelli, i liguri vincono 3-1 in rimonta a Cittadella grazie alla tripletta di Catellani; in zona playoff anche Perugia ed Avellino, con gli umbri che fanno 0-0 a Latina in una partita assai nervosa, e gli irpini che cadono a Crotone sotto i colpi del talento di Camillo Ciano. Fuori dagli spareggi il Livorno dopo il solito pareggio in casa contro il Modena che sembra essersi definitivamente tirato fuori dalla zona salvezza dove invece sono pesantemente coinvolte il Cittadella che è terz’ultimo, la Pro Vercelli e l’Entella che oggi disputerebbero il playout con i liguri battuti in casa dal fanalino di coda Varese che, così come il Brescia, non si arrende alla retrocessione se non di fronte alla matematica. Crotone e Trapani (1-0 al Lanciano) fanno passi avanti forse decisivi, mentre il Latina rischia ancora moltissimo nonostante i molti pareggi che muovono la classifica degli uomini di Iuliano.

Granoche (Modena) e Catellani (Spezia) agganciano Maniero (Catania) al comando della classifica dei cannonieri a quota 18 reti, Calaiò (Catania), Cocco (Vicenza) e Marchi (Pro Vercelli) seguono a 17, Ciano (Crotone) sale a 16.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *