Il pagellone del calciomercato: Roma, Juventus e Milan le migliori

Print Friendly, PDF & Email
Read Time5 Minutes, 42 Seconds

TorresArchiviato anche il calciomercato estivo 2014. Tanti i colpi che si sono susseguiti in questi due mesi di trattative. Il filo conduttore è pero stato ancora una volta quello dell’austerità, nessun club del campionato italiano ha fatto follie e stravolto il proprio bilancio. In Serie A continuano ad arrivare grandi giocatori nella fase calante della carriera oppure giovani promesse alla ricerca della definitiva consacrazione.

 ATALANTA 5.5 – La cessione di Bonaventura è certamente il movimento più importante della squadra bergamasca. Una perdita che sicuramente si farà sentire nel corso dell’intera stagione. Positivi invecegli arrivi di Biava, l’ex laziale potrà dare un grande contributo in difesa, e D’Alessandro, reduce da una grandissima stagione in Serie B con il Cesena.

 CAGLIARI 5.5 – Il primo mercato della nuova proprietà, quella del presidente Giulini, ha portato tanti giovani alla corte di Zeman. Alcune cessioni importanti come quelle di Astori e Pinilla privano la squadra di una buona dose di esperienza, ma con il boemo in panchina molto spesso la sfrontatezza dei giovani produce più risultati dell’esperienza delle stelle affermate.

 CESENA 5 – Il mercato di una neopromossa dovrebbe essere più ricco di arrivi di giocatori di categoria. L’ingaggio del giovanissimo Leali per la porta è sicuramente un colpo di qualità. Lucchini e Brienza possono dare un contributo importante, ma forse ci si aspettava qualcosina in più.

 CHIEVO 6 – Calciomercato vibrante per la squadra di Eugenio Corini. Il centrocampo è certamente il reparto che si è rinforzato di più: gli arrivi di Izco, Mangani, Birsa e Schelotto garantiscono qualità e quantità. Da sottolineare anche l’ingaggio del giovane portiere Bardi e di Maxi Lopez in attacco, l’argentino ha il compito di non far rimpiangere Thereau.

 EMPOLI 5.5 – Pochi innesti mirati in una rosa che lo scorso anno ha fatto benissimo nel campionato cadetto. Vecino, Laxalt e Guarente potranno dare un contributo importante, ma conseguire la salvezza non sarà certo una passeggiata.

 FIORENTINA 6.5 – Il colpo più importante è la mancata cessione di Cuadrado. Montella è riuscito dunque a trattenere a Firenze tutti i titolarissimi della scorsa stagione e a rinforzare la rosa con gli arrivi di Marin e Brillante. La prima uscita contro la Roma ha mostrato una squadra che ancora deve lavorare per raggiungere la migliore condizione, ma le assenze erano tante e i recuperi di Cuadrado e Rossi potranno far tornare a sognare il popolo viola.

 GENOA 6 – La struttura portante della formazione di Gasperini è rimasta più o meno la stessa e questa già è una notizia per una squadra di Enrico Preziosi. I cambiamenti più rilevanti sono avvenuti in attacco, adesso è Mauricio Pinilla a guidare il reparto offensivo. Da non dimenticare comunque la presenza dell’ex juventino Alessandro Matri.

 INTER 6.5 – Il grande colpo non è arrivato, ma la nuova Inter italo-indonesiana sembra una squadra più competitiva rispetto alla scorsa stagione. L’approdo di Vidic in difesa garantisce solidità, esperienza e fisicità. Gli arrivi di Dodò, Medel e M’Vila sembrano poter rinforzare il reparto di centrocampo. Osvaldo invece potrà dare un contributo importante in fase offensiva.

 JUVENTUS 7 – Respinti tutti gli assalti delle big europee per i gioielli del centrocampo. Pogba e Vidal sono ancora due giocatori bianconeri e il reparto mediano di Allegri rimane il più forte del campionato. Gli arrivi di Evra e Morata portano esperienza e qualità rispettivamente a difesa e attacco. Un mercato che permette alla Juventus di partire ancora una volta con i favori del pronostico per la conquista del titolo.

 LAZIO 6.5 – La rosa biancoceleste appare rinforzata rispetto a quella dell’ultimo campionato. La difesa è stata sistemata con gli acquisti di Basta, Gentiletti e De Vrij, giocatori importanti, nonostante l’esordio non positivo di quest’ultimo a San Siro. L’arrivo di Parolo rinforza ulteriormente un centrocampo già competitivo, stesso discorso per l’attacco, reso più completo dall’ex Nantes Djordjevic.

 MILAN 7 – I colpi più importanti sono arrivati alle due estremità del campo. Il portiere Diego Lopez, ex Real Madrid, è una garanzia assoluta; Fernando Torres invece, nonostante non sia più quello dell’Atletico Madrid e del Liverpool, rimane un giocatore che in Italia potrebbe spostare gli equilibri di qualsiasi partita. Qualitativamente importante anche l’arrivo di Menez, che sembra ben diverso dal giovane talentuoso ma incostante visto a Roma. Giacomo Bonaventura è invece la ciliegina sulla torta per il centrocampo di Filippo Inzaghi.

 NAPOLI 5 – In una stagione in cui la Juventus parte senza Antonio Conte, epicentro dei grandissimi successi juventini degli ultimi anni, il mercato azzurro sarebbe dovuto essere diverso. I tifosi si aspettavano gli sforzi necessari per annullare il gap con la Juventus e con la Roma. Gli arrivi di Koulibaly e De Guzman non sembrano però poter risolvere i problemi di Rafa Benitez. Di grandi nomi neppure l’ombra.

 PALERMO 5 – Un’altra neopromossa che ha deciso di non intervenire pesantemente sul mercato. La formazione rosanero era sicuramente qualitativamente più dotata rispetto a quella delle altre matricole, ma in Serie A tutto sarà più complicato.

 PARMA 6 – Pochi acquisti per una squadra già molto competitiva. Francesco Lodi e Belfodil potranno dare una grande mano ai loro nuovi compagni. Importante, specialmente per i tifosi è stato tenere Biabiany nonostante l’assalto del Milan nelle ultime ore del mercato.

 ROMA 7.5 – La cessione di Benatia è certamente un duro colpo per la difesa di Rudi Garcia, ma 30 milioni per un difensore non possono essere rifiutati e gli arrivi di Manolas, Astori e Yanga-Mbiwa sembrano poter mitigare la partenza del marocchino. Molto rinforzati invece i reparti di centrocampo e attacco. Sulla mediana il tecnico francese può contare su tutti i giocatori della scorsa stagione con le aggiunte di Keita, Salih Ucan e Paredes. In attacco invece i tifosi giallorossi sognano grazie al colpo più importante del mercato italiano: Juan Manuel Iturbe. Lo scudetto sembra una corsa a due, oltre alla Juventus c’è anche la Roma.

 SAMPDORIA 6.5 – Il presidente Ferrero non vuole far rimpiangere la vecchia proprietà. I colpi non sono stati tanti, ma sono arrivati giocatori importanti. Silvestre in difesa e Bergessio in attacco sono acquisti di alto profilo.

 SASSUOLO 6.5 – Dopo la sofferenza della scorsa stagione, la squdra emiliana punta ad ottenere una salvezza tranquilla. I colpi da registrare sono Consigli, ex portiere dell’Atalanta, Vrsaljko, Peluso e Taider, tutti giocatori di grandissima esperienza.

 TORINO 5.5 – Gli addii di Cerci e Immobile lasciano un grande vuoto in attacco. Quagliarella e Amauri sono giocatori di indiscusso valore, ma non sono probabilmente all’altezza dei loro predecessori. Il centrocampo può contare sugli approdi di Nocerino e Molinaro, quantità e fisicità al servizio di Ventura.

 UDINESE 6 – Mercato ancora una volta oculato della famiglia Pozzo. Il nuovo tecnico Stramaccioni può contare su innesti di valore come Piris, Guilherme, Kone e Thereau. Muriel e Di Natale rimangono le certezze in attacco.

 VERONA 6.5 – La partenza di Iturbe lascierà sicuramente il segno nella squadra di Mandorlini. Il sostituto del talento paraguaiano naturalizzato argentino è arrivato proprio al fotofinish, si tratta di Javier Saviola, ex Barcellona e Real Madrid. Il tecnico di Ravenna può dunque fare affidamento su una rosa di buon livello. Da sottolineare anche l’arrivo di Rafa Marquez in difesa, il messicano comanderà con personalità il reparto arretrato.

Giovanni Fabbri

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles