SBK. Istanbul Park, vince tutto Eugene Laverty

Doppietta di Eugene Laverty a Istanbul Park. Il pilota Aprilia vince Gara 1 davanti a Melandri e Sykes, che partiva in SuperPole, e Gara 2 su Sykes e Guintoli. Ottima prestazione quella del talentuoso pilota irlandese, che si avvicina notevolmente alla testa del mondiale.

La classifica generale è comandata da Tom Sykes con 323 punti, 8 di vantaggio sul francese dell’Aprilia; male infatti le ultime prestazioni di Sylvain Guintoli (nonostante abbia terminato terzo gara 2), che fino alla corsa di Silverstone presiedeva il mondiale, ma è stato poi artefice di performance di contenimento, di ragionamento, ha cercato di controllare le gare e la classifica e ad oggi, a tre corse al termine, subisce il sorpasso del pilota inglese della Kawasaki.

Riapre il mondiale invece il compagno di squadra del francese Eugene Laverty che con due vittorie si porta a 26 punti dal leader Sykes, è terzo in classifica e superato Marco Melandri, con queste prestazioni, si candida ad essere il rivale numero uno del pilota Kawasaki per aggiudicarsi il titolo iridato.

Corsa davvero impeccabile quella dell’irlandese che mette le ruote della sua Aprilia davanti a Tom Sykes per ben due volte, l’inglese prova a scappare anche in gara 2 ma Laverty lo raggiunge e lo supera con una manovra spettacolare all’ultima curva della pista quando mancavano cinque giri alla fine. Dimostra poi di avere un ottimo passo gara riuscendo a mantenere un buon vantaggio sulla Kawasaki fino al traguardo. Prestazione altalenante invece quella di Marco Melandri, che è artefice di una grande rimonta in gara 1 che lo vede risalire dalla settima posizione alla seconda; impiccato invece in gara 2, soprattutto per la bella nota positiva della giornata che è il debutto in SBK di un rigenerato Tony Elias (che si unisce insieme a Biaggi, Checa, Melandri e tanti altri, alla lista dei provenienti dalla moto GP), chiamato a sostituire Michelle Fabrizio impegnato a sua volta sulla Honda dell’infortunato Johnny Rea. Lo spagnolo su Aprilia non sfigura affatto per la prima volta in SBK sul tracciato di Istanbul, si ritrova proprio davanti a Melandri e si rivela un osso duro da superare.

Bella la bagarre di gara 1 all’ultima curva per la quinta posizione con la Aprilia di Davide Giugliano, vinta in volata dal pilota italiano. Elias chiude sesto davanti a Cluzel e Davies e quinto in gara 2. Eccellente risultato per la prima esperienza e bello spettacolo soprattutto in vista del prossimo anno (qualora Elias venisse confermato), intanto il pilota spagnolo si augura di vincere una gara prima della fine del mondiale. L’ostruzionismo di Elias limita però il tentativo di rimonta di Melandri che chiude gara 2 quarto e vede allontanarsi sempre più il sogno del titolo mondiale. Avvincente anche la querelle all’ultimo giro per la nona posizione tra i nuovi compagni di squadra del team Pata Honda, Haslam e Fabrizio, vinta dal primo. Ottima performance quella di Tom Sykes, a Istanbul Park con un secondo e terzo posto consolida la leadership in classifica e spodestato Guintoli è lui ora l’uomo da battere. Il prossimo appuntamento sarà domenica 29 settembre presso il legendario circuito di Laguna Seca, Stati Uniti. Il gioco si fa duro, la pressione aumenta, la posta in palio è alta: il titolo mondiale della SuperBike. Sykes, Laverty, Guintoli e più distaccato Melandri, chi lo porterà a casa?

di Andrea Lorenzini 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *