Italia: Standard&Poor’s declassa il rating italiano a BBB

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 27 Second

di Francesco Galati

E’ notizia di questa settimana il taglio del rating italiano dalla famosa agenzia di rating Standard & Poor’s. Il declassamento segna il passaggio da un outlook di BBB+ ad un BBB con outlook negativo.

Secondo il comunicato diramato dalla società stessa, la motivazione del declassamento riguarda la crescita del PIL del nostro Paese che, negli ultimi dici anni, ha subito una decrescita media di 0,04 punti percentuali. Inoltre,  la condizione dell’economia reale in contrazione e la rigidità del mercato del lavoro italiano, unito ad una forte mancanza di competitività dello stesso, portano al procedimento di declassamento e soprattutto all’outlook negativo.

Avevamo già parlato del ruolo delle agenzie di rating e la valutazione eseguita non sembra poi così sbagliata. Il declassamento avviene in un momento che potremmo definire “inadatto” visto che esso riguarda una sintesi degli ultimi dieci anni e probabilmente non tiene conto in maniera sufficiente degli importanti sconvolgimenti politico-economici che stanno avvenendo nel nostro paese.
Potremmo parlare quindi di una valutazione punitiva? Probabilmente no, è un dato di fatto che economia reale e mercato del lavoro in Italia siano stagnanti. Probabilmente, la colpa è attribuibile all’enorme produzione legislativa del nostro Paese che rimane sempre lontana dalla realtà dei fatti e vanifica tutto l’impegno che politici e associazioni sindacali svolgono per cercare di migliorare e far ripartire il sistema.

Il Governo Letta ha accettato con grande criticità il declassamento, soprattutto in virtù del fatto che svariati provvedimenti messi in atto dal Governo non sono ancora a regime Il problema più grande riguarda il mancato riconoscimento di quella politica di austerità che è tanto vituperata da illuminati economisti e al contempo così fortemente raccomandata dai membri forti dell’Unione Europea.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles