WTCC – Marrakech, week end di sorprese (ma non troppe)!

di Francesco Galati

Marrakech – Questo week end di corse si è aperto con la pole position di Tarquini su Honda, pole che però non è stata di ottimo auspicio, infatti questo è stato un week end “per giovani”.

Gara 1 – In gara uno un ottimo Gabriele Tarquini parte in pole position e sembra poter tenere la posizione, ma un incredibile Nykjaer su Chevrolet Cruze, riesce a battere il pilota italiano, vittima fondamentalmente della maggiore velocità della vettura avversaria.

Dietro grande bagarre tra Huff e l’immancabile Muller sempre velocissimo, che riesce a imporsi su Huff, mentre Tarquini perde la leadership poco dopo, e qui succede di tutto:
Monteiro distrugge la sua Seat e serve l’ingresso della Safety car, la lentezza dei giudici marocchini fa si che la gara possa durare solamente dopo due giri, Tarquini indiavolato prova a superare il norvegese Nykjaer ma non riesce nell’impresa, per il giovane norvegese è la prima vittoria in carriera.

Gara 2 – La gara due parte con una pit-lane completamente invertita nelle prime 10 posizioni, nelle prime quattro posizioni le Seat di Monje (pole), Oriola, Bosseng e a chiudere il gruppo Huff, ben presto le quattro Seat diverranno tre grazie alla partenza lampo di Yvan Muller, il pilota francese si porta subito nel gruppetto di testa.

Oriola sorpassa Monje e va a conquistare la prima posizione, mentre Tarquini riesce a recuperare ben 4 posizioni, sprecando però tutto il lavoro con un brutto incidente che non gli permetterà di finire la gara, anche Huff è fuori dai giochi con la rottura della sospensione, Oriola va così a conquistare la prima vittoria, così come aveva fatto in gara uno Nykjaer, Oriola ha dalla sua il vantaggio dell’età, solo 18 anni contro i 34 del norvegese.

Prestazione superlativa di Oriola, che con la sua giovane età batte il record, e diventa il pilota più giovane ad aver vinto una gara nella serie turismo, con la sua vittoria inoltre interrompe la serie di vittorie firmate Chevrolet che risale a Suzuka 2012.

Classifica – Muller si porta in vantaggio su Tarquini raggiungendo quota 88 punti, subito dietri Nykjaer a pari punti con l’italiano fermo a 51, dietro Huff fermo a 19 punti, un inizio stagione non proprio brillante per il pilota della scuderia Seat.

Il prossimo appuntamento sarà tra tre settimane in Slovacchia, sullo Slovakia Ring, il record di gara neanche a dirlo è di Yvan Muller, ancora una volta osso duro di questo emozionante campionato!!!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *