Il voto in pagella non gli piace, calciatore aggredisce un giornalista

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 47 Seconds

di Pierfrancesco Demilito

Antonello Scavone è un calciatore che gioca in serie D, è l’attaccante dell’Angelo Cristofaro, un società di Oppido Lucano, in provincia di Potenza. Rocco De Rosa, invece, è un giornalista sportivo che segue, per il Quotidiano della Basilicata, la squadra dilettantistica durante la settimana e in occasione delle partite domenicali. I protagonisti di questa storia sono loro due, ma purtroppo non stiamo per raccontare una bella storia di sport.

Domenica 8 gennaio l’Angelo Cristofaro giocava in casa contro la capolista Sarnese. Per la squadra di Oppido Lucano che occupa la penultima posizione in classifica questo non è un anno buono e inesorabilmente la Sarnese vince facilmente 3 a 0.

De Rosa domenica, come sempre, era in tribuna a seguire la partita e dopo il match ha compilato le tradizionali pagelle. Scavone viene considerato, dal cronista, poco incisivo e in pagella gli viene affibbiato un brutto quattro e mezzo. Se la prestazione della squadra lucana ha scontentato i tifosi, il voto in pagella ha scontentato, non poco, l’attaccante.

Il calciatore, dunque, ha iniziato ad insultare il giornalista attraverso il social network Facebook, additandolo come un “giornalaio”. Per quanto l’offesa è pur sempre deprecabile se il calciatore si fosse fermato lì forse oggi non avremmo dovuto raccontare questa storia, ma a Scavone quel brutto voto proprio non andava giù e ha ritenuto necessario andare oltre gli insulti attraverso la rete.

Due giorni dopo il match, l’Angelo Cristofaro riprende gli allenamenti e a seguirli in tribuna c’è, tra gli altri cronisti, anche il giornalista del Quotidiano della Basilicata. Non appena il “bomber” si accorge della sua presenza sugli spalti, decide che è giunto il momento di regolare i conti, lo raggiunge sugli scaloni e lo aggredisce con violenza. De Rosa è stato costretto a ricorrere alle cure mediche presso il locale pronto soccorso, per medicare una ferita causata da un pugno scagliato dal giocatore.

Ma questa brutta storia, perlomeno, ha un lieto fine: il presidente e l’allenatore dell’Angelo Cristofaro hanno deciso di sospendere Scavone, dando un segnale chiaro. Certo è una piccola consolazione ma. almeno per un po’ di tempo. ad Oppido Lucano i violenti non scenderanno in campo.

 

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles