Serie B, 42°giornata: Parma in A, suicidio del Frosinone. Novara retrocesso

Epilogo clamoroso ed imprevedibile quello del campionato di serie B che ha chiuso la stagione regolare con l’incredibile promozione del Parma che ha superato proprio in volata il Frosinone, incapace di battere il demotivato Foggia in casa. In coda, l’Entella vince lo scontro diretto a Novara, acciuffa i playout e condanna i piemontesi alla retrocessione diretta.

Il 18 maggio sarà una data che a Frosinone nessuno dimenticherà mai: nel 2017 la promozione mancata a beneficio del Verona, stavolta il 2-2 casalingo contro il Foggia che non aveva nulla da chiedere al campionato ma che ha onorato la stagione giocando una gara seria e combattiva e andando in vantaggio con Mazzeo nel primo tempo; Frosinone bloccato ma in grado di capovologere nella ripresa la situazione, lasciando presagire ad un brivido solo sfiorato e ad una serie A ormai agguantata. Invece all’89’ il suicidio totale di una squadra impaurita, il contropiede lasciato ai pugliesi e il gol del 2-2 che fa sprofondare calciatori e tifosi in un dramma che potrebbe devastare i ciociari anche in vista dei playoff che la squadra di Longo rischia ora di giocare col morale sotto i tacchi; e come l’anno scorso, il Frosinone non riesce a centrare la promozione pur ottenendo gli stessi punti della seconda classificata. Corona così il suo sogno il Parma, vittorioso 2-0 a La Spezia e incredulo di fronte alle notizie in arrivo da Frosinone; gli uomini di D’Aversa tornano in serie A dopo il fallimento e la ripartenza dai dilettanti diventando la prima società italiana a centrare 3 promozioni consecutive dalla serie D alla A. Agli spareggi, oltre al Frosinone, anche il Palermo (2-0 a Salerno), il Venezia (0-0 col Pescara), il Bari (2-0 al Carpi), il Cittadella (2-0 alla Pro Vercelli) ed il Perugia, sconfitto 2-1 dalla capolista Empoli nel giorno dell’esordio in panchina di Alessandro Nesta. In coda, all’Entella riesce la prima metà del miracolo col successo nello scontro diretto di Novara che condanna i piemontesi alla retrocessione diretta e permette ai liguri di giocarsi la permanenza in serie B nel playout contro l’Ascoli che non è riuscito ad andare oltre lo 0-0 casalingo contro il Brescia che ce la fa invece a salvarsi così come il Cesena (1-0 alla Cremonese), l’Avellino (2-1 in rimonta a Terni) ed il Pescara uscito indenne da Venezia.

In vista degli spareggi, il capocannoniere del campionato è Francesco Caputo (Empoli) con 26 reti, seguito dal compagno di squadra Donnarumma a 23 e da Di Carmine (Perugia) a 22. Sul podio Montalto (Ternana) autore di 20 centri, poi Mazzeo (Foggia) a 19 e Cerri a 15.

CLASSIFICA: Empoli 85; Parma e Frosinone 72; Palermo 71; Venezia e Bari 67; Cittadella 66; Perugia 60; Foggia 58; Spezia 53; Carpi 52; Salernitana 51; Cesena 50; Cremonese, Avellino, Pescara e Brescia 48; Ascoli 46; Entella e Novara 44; Pro Vercelli 40; Ternana 37.

PLAYOFF: Bari-Cittadella > vincente contro il Frosinone. Venezia-Perugia > vincente contro il Palermo.

PLAYOUT: Entella-Ascoli.

di Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *