Serie B, 9°giornata: Verona nuova capolista, Cittadella in caduta libera

Non ce ne voglia il Cittadella, splendida realtà della serie B ed autore di un inizio di stagione strabiliante, ma il campionato cadetto colloca sul trono la sua regina, ovvero il Verona, una squadra che con la seconda categoria nazionale non ha nulla a che vedere, come blasone, come storia, come pubblico e soprattutto come organico. Gli scaligeri operano un sorpasso chirurgico nel giorno dell’ennesima doppietta di Giampaolo Pazzini e della seconda sconfitta consecutiva dei granata di Venturato, ora alle prese con la prima mini crisi stagionale.

Un Verona troppo forte, lucido e concreto abbatte la resistenza dell’Ascoli, spazzato via al Del Duca con 4-1 che vede ancora protagonista Pazzini, un lusso per la categoria, portando i gialloblu al comando della classifica, approfittando del ko del Cittadella a Perugia, 2-0 firmato dall’ex di turno Di Carmine con una doppietta. Veneti ora col fiato sul collo di un Carpi in netta ripresa: gli emiliani regolano in casa il Latina 2-0 e si avvicinano al secondo posto, così come lo stesso Perugia, alla quarta affermazione consecutiva, e come l’Entella che contro il Benevento ha ottenuto la vittoria più rocambolesca della giornata, coi campani avanti 2-0 e i liguri capaci prima di pareggiare e poi di portare a casa il successo per 3-2; per il Benevento è la seconda sconfitta di fila dopo il ko in casa di una Salernitana che a Brescia pareggia 1-1 in una sfida fra compagini in ottima forma, tutto il contrario di Pisa e Cesena: i toscani, dopo l’avvio sprint, iniziano a pagare una preparazione estiva precaria e vengono sconfitti fra le mura amiche dal Vicenza che comincia a respirare un po’; i romagnoli, fermi ancora ad un solo successo stagionale, vanno in vantaggio contro la Spal ma subiscono il pari degli uomini di Semplici in pieno recupero, gettando al vento un’altra opportunità per avvicinare le zone alte della classifica da dove scende lo Spezia, battuto un po’ a sorpresa da un Avellino in evidente crescita. Un passo avanti rilevante, viceversa, lo compie il Frosinone che travolge 3-1 il Bari dell’ex Stellone: per i ciociari, dopo il successo in casa del Cittadella, si profila un inserimento in zona promozione grazie ad una vittoria chiara e limpida, per i pugliesi, invece, anche l’obiettivo playoff si allontana e la posizione del tecnico inizia a traballare, perchè nonostante una rosa competitiva, i biancorossi non fanno che balbettare, tanto in casa quanto in trasferta. Nel derby piemontese fra Pro Vercelli e Novara, infine, prevalgono i padroni di casa per 2-1 grazie ad un gol proprio all’ultimo minuto di recupero. Chiude la giornata il posticipo fra il Trapani fanalino di coda e la Ternana penultima: si salvi chi può, insomma.

Vetta solitaria per Pazzini nella classifica dei marcatori: il centravanti del Verona è capocannoniere con 10 reti, a 6 seguono Litteri (Cittadella) e Caputo (Entella), a 5 salgono Di Carmine (Perugia) e La Mantia (Pro Vercelli), mentre a 4 restano Caracciolo e Morosini (Brescia), Maniero (Bari) e Nenè (Spezia).

di Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *