Qui Virtus Roma. Finalmente vittoria: 83 a 77 contro Biella

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 24 Seconds

virtus romaDopo esserci andata vicinissima per due domeniche consecutive (sconfitte all’overtime e con canestro alla sirena), il terzo tentativo è finalmente quello giusto: grazie ad un lucido ultimo quarto, la Virtus Roma di Caja batte l’Angelico Biella a domicilio e conquista i tanto sospirati primi due punti stagionali. Un successo meritato, dovuto ad una maggiore chiarezza di idee nella metà-campo offensiva e alle determinanti prestazioni individuali di Callahan (22 punti, season-high) e del classe ‘94 Ennio Leonzio, decisivo col suo apporto dalla panchina.

Già dai primi possessi si intuiscono le intenzioni tattiche dei due allenatori: coach Carrea individua in Voskuil il giocatore più pericoloso, costantemente raddoppiato con show difensivi molto aggressivi. Nella maggior parte dei casi Voskuil è bravo a sbarazzarsi del pallone e a trovare il lungo libero: Callahan realizza così la metà dei suoi punti totali (11) nel solo primo quarto. In difesa, la Virtus tende molto a collassare e a lasciare il tiro da fuori agli avversari i quali, col passare dei minuti, confermeranno il loro abuso stagionale di tiri da tre punti, con scarse percentuali tra l’altro. Nonostante un tentativo di allungo virtussino a fine primo quarto (21-15), le due squadre andranno a braccetto fino alla seconda metà dell’ultimo quarto. A cavallo tra primo e secondo quarto, Leonzio dà il primo contributo alla causa con un assist, un recupero, un fallo subìto e una tripla su assist di Olasewere: il pubblico apprezza e sottolinea le giocate del ventunenne.

Il botta e risposta tra le due squadre dura fino al terzo quarto: De Vico domina nei movimenti in post basso, Ferguson è tanto talentuoso in attacco quanto un problema in difesa per Biella, Olasewere (rientrato in campo nel secondo tempo dopo uno scontro di gioco con La Torre) fa sua la linea di fondo troppe volte lasciata smarrita dai piemontesi, Leonzio è protagonista della “seconda ondata” con una tripla pesante in transizione. Callahan sbaglia un rigore a porta vuota sulla sirena del terzo quarto dopo un’azione perfettamente disegnata da Caja durate il time-out e la Virtus si affaccia ai dieci minuti finali con un vantaggio minimo (58-57).

L’ultimo quarto, che tante volte quest’anno ha condannato la Virtus, stavolta premia i ragazzi di Caja, più lucidi nella costruzione dei possessi offensivi e forse anche più freschi atleticamente, dato che non avevano giocato il turno infrasettimanale come Biella. Leonzio realizza una gran tripla per il +6 (72-66), poi capitan Maresca decide di mettersi in proprio siglando dieci punti nel solo ultimo quarto. Il long-two alla sirena di Callahan firma il massimo vantaggio (80-69) e mette la parola fine sulla prima vittoria stagionale giallorossa. La classifica si è sbloccata, da ieri il campionato è iniziato anche per la Virtus.

La Statistica: Roma ha tirato col 55% dal campo, vincendo anche la sfida a rimbalzo (37-28).

Prossimo appuntamento: Roma ha una partita in meno, che recupererà giovedì sera contro Reggio Calabria, ore 21.

di Emanuele Granelli

 

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles