Limitazioni alla guida delle persone LGBT: nuova legge in Russia

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 0 Second

La Russia continua la sua campagna contro le persone LGBT, iniziata nel 2013 con la messa al bando della “propaganda gay”. Il nuovo passo per osteggiare questa categoria di persone è del 29 dicembre 2014, quando il Primo Ministro Dmitry Medvedev ha firmato un decreto in un documento che elenca le condizioni mediche che impediscono la guida o ne sanciscono delle limitazioni.

La nuova legge “Per la sicurezza sulle strade” è basata su un recente manuale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la classificazione delle malattie, “International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems”, conosciuto anche come IC-10.

Il decreto afferma che le malattie mentali e i disordini della personalità inclusi nella lista impediscono la guida se “cronici e prolungati”, con sintomi “visibili e ripetuti”.Tra le condizioni presenti anche nell’IC-10 ci sono la demenza senile, la schizofrenia e i disturbi dell’umore. In questa categoria il governo russo ha inserito anche “malattie” che nel documento internazionale non sono contemplate: disordini dell’identità sessuale, come per esempio la transessualità, il travestitismo, o disordini dell’orientamento sessuale, come il sadomasochismo, la pedofilia e l’esibizionismo.
L’inserimento di questi comportamenti tra quelli che non consentono la guida, deriverebbe da una pedissequa interpretazione di un passaggio dell’IC-10, dove si dice che chi vuole cambiare il proprio orientamento o il proprio genere sessuale, presente “a causa di disturbi associati della personalità e del comportamento” una sindrome egodistopica della sessualità. Questa interpretazione fa facilmente intuire quali potrebbero essere i passi successivi: un progressivo ampliamento delle restrizioni per colpire ulteriormente la comunità LGBT russa.
Molte le voci che si sono sollevate contro questo decreto: l’Associazione degli Avvocati Russi per i Diritti Umani ha dichiarato, tramite un portavoce, che “ Il decreto discrimina contro determinati individui e gruppi di individui, oltre alla restrizione della libertà e dei diritti di tutti i cittadini”.

Anche l’Unione Europea si è espressa sulla questione, tramite Nils Muižnieks, commissario del Consiglio Europeo per i Diritti Umani. Tramite un post su Facebook il Commissario ha chiesto alla Russia di eliminare l’ordine.
“Le nuove regole russe che vietano alla gente di guidare a causa della loro gender identity sono ridicule e ingiuste, ha dichiarato, Discriminare le persone su queste basi è una violazione delle norme europee sui diritti umani e rischia di inasprire un clima già ostile ai LGBT in Russia”.

(di Francesca Parlati)

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles