Cinemamme in arrivo anche a Milano

di Mariacristina Giovannini

Sei mamma da pochi mesi? La vita si è trasformata in una sequenza ininterrotta di lavoro, pappe e pannolini? Vorresti andare al cinema in beata solitudine, in coppia, o con gli amici? Il progetto Cinemamme rompe il tabù e apre le sale cinematografiche ai piccoli in età da allattamento e alle loro mamme. Film in prima visione, luci soffuse e audio non assordante. Queste caratteristiche rendono i cinema che aderiscono all’iniziativa particolarmente adatti alle esigenze dei mini-accompagnatori e delle loro famiglie.

Nata a Oslo, questa bella idea approda in Italia cinque anni fa e si radica a Roma, Bologna, Padova (e in tanti altri piccoli centri) sostenuta sul territorio da Associazioni di genere e consultori. Dal 2 ottobre – con la proiezione inaugurale e gratuita del film “Sacro Gra” di Gianfranco Rosi – il Progetto Cinemamme parte anche a Milano, promosso dal Consultorio familiare Aied e da Arci Milano con il sostegno di Fondazione Cariplo e Provincia.

Il cinema Anteo, per due mercoledì al mese e per tutto l’anno, sosterrà questa iniziativa. La sala sarà illuminata in modo da permettere alle mamme (ma anche ai papà, ai nonni, alle baby sitter, agli amici e chi più ne ha più ne metta) di spostarsi agevolmente con i passeggini, allattare, preparare il biberon e accompagnare i più grandicelli nell’area giochi a loro dedicata. Proiezioni e servizi ad hoc, quindi, ma anche qualcosa in più: un ciclo di seminari, sostenuto da associazioni della provincia di Milano come Fattore famiglia, Mamme e donneEccemamma, che darà modo alle coppie, e non solo, di confrontarsi sul tema della maternità e della genitorialità, individuando buone pratiche in modo condiviso.

L’iniziativa Cinemamme cresce dunque sul territorio nazionale e coltiva piccoli, grandi obiettivi: incoraggia modelli alternativi di accudimento, invita le donne con figli piccoli a riappropriarsi del tempo libero e degli spazi culturali delle città, e trasforma il cinema – per tutti – in uno spazio vivo di relazione, di scambio, di cultura.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *