Wimbledon. La gioia della Bartoli: sei anni dopo è trionfo

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 42 Seconds

Non passerà alla storia come la tennista esteticamente più bella, fluida ed elegante. Ma nello sport conta quasi sempre una cosa sola: il risultato. Marion Bartoli, francese classe 1984, da sabato possiede tutte queste caratteristiche. Lo stile di gioco è particolare (rovescio e dritto bimane), ma insieme ad una tecnica poco ortodossa è arrivato finalmente il grande risultato. Non si tratta di una vittoria normale,  quella che si ottiene sul centrale di Wimbledon è il successo che cambia la vita, è il trionfo nel torneo più affascinante e prestigioso, quello che si sogna da piccoli.

Il 7 luglio 2007 la francese sembrava aver detto addio alla possibilità di vincere il torneo più ambito, la sconfitta contro Venus Williams sembrava avergli negato ogni possibilità. Sei anni dopo la chance di riscrivere la storia è arrivata contro Sabine Lisicki. La tedesca, capace di battere Serena Williams e Sharapova (nel 2012), non ha fatto però tremare la francese intenzionata questa volta, dopo 6 anni di grandi difficoltà, a cogliere appieno l’occasione della vita.

Nel match c’è stata poca Lisicki e tanta, tantissima Bartoli. Dopo il primo break la francese ha piazzato sei giochi di fila fino a chiudere 6-1. Nel secondo set l’epilogo sembrava lo stesso: 5-1 Bartoli. Poi il sussulto della tedesca. La Lisicki ha piazzato 3 giochi di fila fino al 5-4 (annullando anche tre match point). Non c’è stato spazio però per la rimonta: l’ace finale della Bartoli fa calare il sipario sul torneo femminile.

Sembrava impossibile pensare ad un epilogo del genere, la finale con nessuna del top del circuito non era prevista, Bartoli e Liscki l’hanno invece resa possibile. E se la tedesca ci aveva abituato a saper far del male alle big sull’erba di Wimbledon, la Bartoli resterà invece la più grande sorpresa. Marion è stata esempio di tenacia, volontà e forza d’animo. A fare il tifo per lei sabato anche il padre (ex allenatore) con il quale i rapporti erano stati molto tesi negli anni, segnale di un’altra grande vittoria ottenuta da Marion Bartoli in quel di Wimbledon.

di Cristiano Checchi 

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles