Serie A. Vincono tutte tranne l’Inter: classifica cortissima

Serie A 2014-2015

Si ferma l’Inter sul più bello, la squadra di Roberto Mancini aveva la grande occasione di giocare l’ultima dell’anno in casa e contro una squadra in crisi di risultati come la Lazio. I nerazzurri dovevano vincere anche perchè le inseguitrici hanno fatto bottino pieno accorciando la distanza con la testa della classifica. L’Inter parte male nel primo tempo e subisce il gol dei biancocelesti con Candreva che insacca da fuori area, nel secondo tempo c’è la reazione dei nerazzurri che con Icardi trovano il pareggio, poi nel finale Felipe Melo rovina tutto, prima atterra in area Milinkovic portando Candreva sul dischetto che non sbaglia, poi si fa espellere per un brutto fallo su Lucas Biglia, finisce 1 a 2 con i nerazzurri che rimangono a 36 punti mentre i biancocelesti salgono a 23. Seconde a una lunghezza Fiorentina e Napoli, i partenopei vincono in trasferta a Bergamo contro l’Atalanta, apre le marcature nel secondo tempo Hamsik, poi il pareggio di Gomez. Da quel momento è Higuain-show, l’argentino firma una doppietta e fissa il risultato sul 1 a 3. Nel finale rigore sbagliato di Hamsik ma la scena è tutta per il centravanti più forte del campionato italiano e tra i primi tre al mondo con  Lewandoski e Luis Suarez. Higuain è il vero fuoriclasse del nostro campionato, un trascinatore come pochi se ne sono visti negli ultimi anni.

Vince la viola che non sbaglia un colpo, dopo la sconfitta di Torino la Fiorentina batte in casa un Chievo mai in partita. Segna il solito Kalinic al 20 esimo poi Ililic al 32esimo, un 2 a 0 che ha, però, un protagonista tutto italiano e soprattutto molto giovane, il suo nome è Bernardeschi, il talentino dell’under 21, autore di due assist, sembra destinato a un futuro roseo. Settima vittoria per la Juventus, i bianconeri sembrano inarrestabili, 21 punti in sette partite e una rimonta che non sembra fermarsi. La squadra di Allegri passa in svantaggio a Modena contro il Carpi grazie al gol di Marco Borriello, una doppietta di Mandzukic sempre nella prima frazione ribalta il risultato. Poi nel secondo tempo Pogba realizza il terzo, mentre Bonucci al 92 esimo, con un autogol, firma il 2 a 3 finale. Si riprende la Roma, i giallorossi, non senza faticare, battono il Genoa in casa per 2 a 0. Gol nel primo tempo di Florenzi, la chiude allo scadere Umar Sadiq, nigeroano classe 1997 al primo gol in serie A Una vittoria che consente a Garcia di rimanere sulla panchina dei capitolini, una vittoria che risolleva un ambiente demoralizzato dopo la clamorosa sconfitta contro lo Spezia in Coppa Italia.

Nell’anticipo del sabato vince l’Empoli in casa del Bologna per 2 a 3 mentre nel pomeriggio il Verona fa 1 a 1 in casa contro il Sassuolo. Il Milan  chiude in bellezza l’anno vincendo e convincendo al Matusa contro il Frosinone per 2 a 4, ciociari in vantaggio con Ciofani poi rossoneri che ribaltano con Abate, Bacca e Alex, Dionisi accorcia ancora una volta ma Bonaventura chiude i conti al 93esimo. Alle 18 la Sampdoria gioca una partita convincente contro il Palermo regalando la prima vittoria in campionato a Vincenzo Montella, un 2 a 0 firmato Ivan e Soriano. Si ferma il Torino di Ventura in casa contro l’Udinese, i bianconeri si impongono con un gol del giovane Perica nel primo tempo ma i granata possono recriminare per le numerose occasioni sprecate soprattutto nel secondo tempo.

di Claudio Serratore

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS