Close

Media Politika Settimanale Online

Amarcord: Pierre Wome, quando un rigore rischia di costare la vita

Si dice che non bisogna aver paura di tirare un calcio di rigore perchè non è da tali particolari che si giudica un giocatore, come cantava dolcemente Francesco De Gregori, ma andate a raccontarlo a Pierre Wome, terzino sinistro camerunense in attività negli anni novanta e duemila, che proprio a causa di un tiro dal…

Amarcord: la serie B dell’Alzano Virescit, la squadra che raccolse un’eredità

Avete mai sentito parlare di squadre di calcio eredi? Difficile, però possibile. All’Alzano Virescit è riuscito anche di più: raccogliere l’eredità di una vecchia società e terminare il lavoro che essa aveva lasciato a metà. Una storia romantica e con un finale malinconico, storica e probabilmente unica di un calcio moderno ma dal sapore antico.…

Amarcord: Claudio Lunini, il centravanti magazziniere

Se il sogno di tutti i bambini che giocano a pallone è quello di diventare calciatori professionisti, per perseguirlo è necessario sacrificio, voglia di non mollare, perseveranza e una testa che permetta di restare sempre equilibrati. E se per tanti bambini il sogno rimane tale, per alcuni le porte del paradiso calcistico possono aprirsi anche…

Amarcord: dal fallimento all’Europa, l’impresa del Napoli di Lippi

Un trampolino di lancio per tutti. Si potrebbe definire così l’annata 1993-94 del Napoli, partito dal baratro e risalito fino a raggiungere vette proibitive, grazie a giovani rampanti, una visione oculata del calciomercato ed un allenatore pronto al grande salto che lo porterà sul tetto del mondo. Certe stagioni nascono male e finiscono peggio, altre…

Amarcord: Vincenzo Palumbo ed una carriera presa a calci

Di calciatori che non hanno mantenuto le premesse iniziali è piena la storia, così come di atleti oltre le righe, di ragazzi comuni diventati improvvisamente popolari ed incapaci di gestire la notorietà. La storia di Vincenzo Palumbo, attaccante italo-tedesco, è però assai più singolare della classica promessa mai sbocciata, perchè al comune intoppo calcistico, Palumbo…

Amarcord: un anno da dimenticare. Il disastroso ritorno di Fabio Capello al Milan

Prendete una squadra che di fronte al suo stadio gremito festeggia il quarto titolo nazionale in cinque anni, il suo allenatore portato in trionfo; poi prendete una squadra che arriva a metà classifica, arrancando tra figuracce e lunghissime serie senza vittorie, un allenatore contestato ed invitato ad andarsene. Difficile pensare che si tratti della stessa…

Amarcord: Andrea Cecotti ed un oscuro e tragico destino

La morte degli atleti in attività rappresenta sempre qualcosa di anomalo, soprattutto nella mente della gente, la convinzione che si tratti di esseri indistruttibili, fatti d’acciaio, impossibili da buttar giù in alcun modo. Certe morti, poi, lasciano ancora più sgomenti per le modalità, per la rapidità e per l’estemporaneità: un destino drammatico e quasi inspiegabile…

Amarcord: la prima volta del Chievo in serie B

Quando oggi si parla dell’Associazione Calcio ChievoVerona, meglio conosciuta come Chievo, si identifica una realtà ben consolidata in serie A, categoria alla quale la compagine gialloblu milita quasi ininterrottamente dal 2001, anno della storica prima promozione della società veneta in massima serie. Ma c’è stato un momento in cui tutto ebbe inizio, una data precisa…

Amarcord: Carlos Bianchi ed un inaspettato fallimento italiano

Provate a chiedere ancora oggi ai tifosi argentini chi vorrebbero sulla panchina della nazionale: probabilmente almeno uno su tre continuerà a rispondervi Carlos Bianchi, un’icona dalle parti di Buenos Aires, l’allenatore che negli anni novanta e duemila è stato il più popolare ed il più vincente in Sud America. Provate poi a chiedere cosa pensino…

Amarcord: il Messina che metteva paura alle grandi della serie A

Una festa indescrivibile, resa ancor più esaltante dal non essere stata prevista ad inizio stagione e dall’attesa per una serie A aspettata per 40 anni. Il 5 giugno 2004 lo stadio Celeste di Messina è una bolgia ed un concentrato di eccitazione, perchè la squadra padrona di casa, allenata da Bortolo Mutti, ha appena battuto…