Serie B, 16°giornata: nessuno ferma il Benevento, al secondo posto resiste il Pordenone

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 9 Seconds

La fuga del Benevento in testa alla classifica inizia ad assumere i contorni del viaggio solitario ed il vantaggio sulle inseguitrici comincia a farsi davvero imponente. Gli uomini di Inzaghi hanno vinto pure in casa del fanalino di coda Livorno mettendo una seria ipoteca anche sul titolo di campione d’inverno.

Il classico dei testacoda quello andato in scena all’Ardenza di Livorno dove i padroni di casa toscani, per la prima volta allenati da Paolo Tramezzani dopo l’esonero di Breda, provano a tener testa alla capolista Benevento che regola però l’avversario con un 2-0 che ammette poche repliche e lascia i giallorossi in vetta al campionato con 9 punti di vantaggio sul secondo posto e ben 11 sul terzo. Alle spalle dei campani ecco la matricola Pordenone che sbanca Cosenza e continua meritatamente a stupire, provando a ripetere clamorosamente l’impresa proprio del Benevento che tre anni fa da debuttante assoluta in B centrò la promozione in A. Risale e si porta in terza posizione il Frosinone che regola per 2-0 il Pescara, mette a rischio la panchina abruzzese di Luciano Zauri e scavalca in classifica sia il Cittadella che il Chievo, entrambe sconfitte: i granata escono battuti da Ascoli (marchigiani al sesto posto), mentre i veronesi fanno harakiri perdendo 3-2 in casa contro la Juve Stabia dopo essere stati avanti 2-0. Piomba in zona playoff anche l’Entella, vittorioso su un Empoli che non riesce proprio a dare continuità ai propri risultati, così come il Crotone che perde nel finale 3-2 a Salerno e restituisce tranquillità e punti ad una Salernitana che aggancia proprio i calabresi ai piedi della zona spareggi. Stesso discorso anche per la Cremonese che stende 2-1 il Perugia e ritrova un successo che mancava da un mese. In coda, il colpaccio è quello già citato della Juve Stabia che scavalca il Cosenza ed avvicina la zona playout, mentre il pari a reti bianche fra Venezia e Spezia lascia entrambe ad annaspare nei bassifondi, così come rischia di fare il Pisa qualora non uscisse con i tre punti dal posticipo in casa di un Trapani che è però costretto anch’esso a vincere per non perdere di vista il quintultimo posto.

Allunga in testa alla classifica marcatori Iemmello (Perugia), salito a 12 reti, due in più di Marconi (Pisa) secondo a 10. Sul podio resiste Galano (Pescara) con 9 marcature, davanti a Simy (Crotone) e Diaw (Cittadella) a 8 e a Machin (Pescara), fermo a quota 7.

CLASSIFICA: Benevento 37; Pordenone 28; Pescara 26; Cittadella ed Entella 25; Ascoli e Chievo 24; Perugia 23; Salernitana e Crotone 22; Empoli e Pescara 21; Cremonese, Pisa* e Spezia 20; Venezia 19; Juve Stabia 17; Cosenza 14; Trapani* 13; Livorno 11. *una partita in meno.

di Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles