Serie B, 38°giornata: Lecce in serie A, Verona ai playoff, Foggia in C

La 38.ma ed ultima giornata del campionato di serie B incorona il Lecce che dopo 7 anni ritrova la serie A battendo 2-1 lo Spezia e raggiungendo il già promosso Brescia nella massima serie. Gli altri verdetti portano Spezia e Cittadella ai playoff, Venezia e Salernitana ai playout ed il Foggia a retrocedere direttamente assieme a Padova e Carpi.

Nei 31 gol totali dell’ultimo turno cadetto, quelli più importanti li realizzano Petriccione e La Mantia che grazie ai loro colpi abbattono la resistenza dello Spezia, esaltano lo stadio Via del Mare (pieno zeppo in ogni ordine di posto) e riportano il Lecce in serie A dopo 7 anni di attesa e la doppia promozione dalla serie C in soli 365 giorni. Il grande artefice è il tecnico Fabio Liverani, capace di centrare il doppio salto come a Lecce già era accaduto con Giampiero Ventura nel biennio 1995-1997. Resta a bocca asciutta il Palermo che, in attesa di conoscere i verdetti del tribunale che potrebbero sbatterlo all’ultimo posto della classifica, si accontenta del terzo posto e della disputa dei playoff assieme all’avversario di giornata, il Cittadella, che col 2-2 in Sicilia agguanta in extremis gli spareggi promozione, come il Benevento, quarto e autore del colpo in casa del già promosso Brescia, come il Pescara (2-0 alla Salernitana), come il Verona (2-1 che condanna il Foggia) e come lo Spezia. Fuori dalla lotta per la A il Perugia e la Cremonese, entrambe deluse dopo lo scontro diretto del Curi che ha visto prevalere gli umbri 3-1 ma che lascia tutte e due un gradino sotto l’ottava posizione. Nella zona bassa della graduatoria, già salvo il Cosenza che nell’ultimo turno ha riposato, si salva anche l’altra calabrese, il Crotone, che supera facilmente l’Ascoli, e si salva il Livorno a cui basta l’1-1 in casa del Padova per evitare anche i playout dopo una prima parte di stagione che lasciava presagire ad una quasi certa retrocessione. In serie C assieme a Padova e Carpi finisce così direttamente il Foggia su cui troppo hanno pesato gli iniziali 6 punti di penalizzazione, mentre allo spareggio salvezza accede il Venezia dopo la rimonta al cardiopalma ottenuta a Carpi (da 0-2 a 3-2 negli ultimi 25 minuti) che sfiderà una Salernitana in disarmo e che a Pescara con la quinta sconfitta consecutiva è riuscita nella poco invidiabile impresa di piazzarsi al quart’ultimo posto nonostante i propositi playoff di inizio anno; a nulla è servito l’estremo tentativo di scuotere la squadra col ritorno in panchina di Menichini al posto di Gregucci, poichè ora ai campani per salvarsi occorrerà vincere almeno una delle due sfide contro i veneti di Cosmi.

In attesa degli spareggi è Alfredo Donnarumma (Brescia) il capocannoniere del campionato con 25 reti; lo seguono Coda (Benevento) a 21, Mancuso (Pescara) a 19, La Mantia (Lecce) a 17 e Nestorovski (Palermo) a 14.

CLASSIFICA FINALE: Brescia 67; Lecce 66; Palermo 63; Benevento 60; Pescara 55; Verona 52; Spezia e Cittadella 51; Perugia 50; Cremonese 49; Cosenza 46; Ascoli e Crotone 43; Livorno 39; Venezia e Salernitana 38; Foggia (-6) 37; Padova 31; Carpi 29.

PLAYOFF: Verona-Spezia > vincente contro Palermo; Pescara-Cittadella > vincente contro Benevento.

PLAYOUT: Venezia-Salernitana.

di Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *