Formula 1, Azerbaigian: Safety Car e Bottas regalano la vittoria ad Hamilton nella gara più folle degli ultimi anni

Imprevedibile ed interminabile: il gran premio dell’Azerbaigian 2018 sarà ricordato come uno dei più pazzi del recente passato della Formula 1. Lo ha vinto Lewis Hamilton che raggiunge così il primo successo stagionale e torna in testa al campionato grazie alla foratura del compagno di squadra Bottas all’ultimo giro e al triplo ingresso della Safety Car che ha penalizzato Sebastian Vettel, quarto a fine gara e sconfitto nonostante un dominio lungo l’intero fine settimana.

COLPI DI SCENA – Capovolgimenti di fronte a raffica nella gara azera: Vettel parte dalla pole position, scatta bene e mantiene la prima posizione dopo il primo ingresso della safety car. Tutto sembra volgere al meglio per il pilota della Ferrari, quando un altro doppio ingresso della vettura di sicurezza, entrata per lo scontro fra le due Red Bull e successivamente per l’impatto di Grosjean contro il muro, permette a Bottas di sfruttare la sosta e rientrare davanti al tedesco, superato poi in ripartenza anche da Hamilton e da Raikkonen e successivamente pure da Perez che finisce sul podio. Per Vettel anche la beffa di essere scavalcato in testa alla classifica mondiale da un incredulo Hamilton, in ombra per tre giorni e con in mano una vittoria piovuta dal cielo grazie alla foratura di Bottas e che potrebbe dare una svolta decisiva alla stagione del campione del mondo in carica.

AUTOSCONTRO – Beffa atroce per Bottas che senza l’esplosione della sua ruota avrebbe vinto con doppietta della Mercedes, ma beffa ancora peggiore per la Red Bull che al momento dell’incidente tra Ricciardo e Verstappen era la monoposto più veloce in pista. L’australiano ha tentato il sorpasso sul compagno di squadra che ha chiuso tutte le porte inducendolo all’errore e al tamponamento che ha messo entrambe le vetture ko, estromettendole da un gran premio che, visti i colpi di scena, avrebbe potuto regalare sorprese positive alla scuderia austriaca.

PRIME GIOIE – La folle corsa di Baku premia, oltre a Perez, anche altri gregari: in primis Charles Leclerc, sesto con la sua Sauber Alfa Romeo ed emozionatissimo al traguardo. Festa anche per Brandon Hartley, al primo punto in Formula 1 grazie al decimo posto, e per Lance Stroll, ottavo con una Williams in ripresa. Buoni piazzamenti anche per le McLaren con Alonso settimo e Vandoorne nono, mentre si mangia i gomiti Hulkenberg, finito fuori quando era in zona podio in una corsa che ha esaltato la Renault col quinto posto di Carlos Sainz.

RESOCONTO: 1. Hamilton (Mercedes); 2. Raikkonen (Ferrari); 3. Perez (Force India); 4. Vettel (Ferrari); 5. Sainz (Renault); 6. Leclerc (Sauber); 7. Alonso (McLaren); 8. Stroll (Williams); 9. Vandoorne (McLaren); 10. Hartley (Toro Rosso).

CLASSIFICA: 1. Hamilton 70; 2. Vettel 66; 3. Raikkonen 48.

di Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *