Serie B, 25.ma giornata: Verona ko, Frosinone nuova capolista, la Spal resta in corsa

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 15 Seconds

Il Verona resta la squadra più forte del campionato e la favorita numero uno per la promozione diretta in serie A, eppure i soli 4 punti racimolati nel 2017 mettono in mostra qualche crepa nel gruppo di Pecchia, una squadra forse troppo rilassata e convinta di aver ormai centrato l’obiettivo con un girone intero ancora da giocare.

Verona caduto anche ad Avellino contro un avversario arrembante e combattivo, vittorioso 2-0 con merito e bravo ad approfittare dei gialloblu, molli e spuntati per l’assenza del bomber Pazzini. Una sconfitta che permette al Frosinone (1-0 sul Carpi firmato dal neoacquisto Terranova) di scavalcare i veronesi al comando della classifica dopo una lunga rincorsa; per il Verona iniziano a suonare i campanelli d’allarme e il ritorno di Pazzini, unito alla càbala che ricorda come gli scaligeri avessero perso ad Avellino anche l’anno dello scudetto, potrebbero non bastare se l’intera compagine non cambierà marcia. Anche perchè non c’è solo la lotta per il primato col Frosinone da difendere per i gialloblu, ma anche il minaccioso arrivo della Spal che, terza in classifica, si porta a una sola lunghezza dal Verona dopo il trionfale 3-0 in casa dell’Entella, certificato già nei primi venti minuti di gioco; frizzante ed ormai realtà consolidata del campionato cadetto, la squadra ferrarese fa sul serio e si candida come rivale autorevolissima alla corsa per la serie A. L’Entella, ora agganciata all’ottavo posto dal Bari che a Cesena non è però andato oltre l’1-1, torna a perdere in casa dopo oltre un anno di imbattibilità e vede allontanarsi in zona playoff sia lo Spezia, che a Vercelli ottiene la terza vittoria di fila, sia il Perugia che vince di misura il sentito derby in casa della Ternana che resta così ancorata al penultimo posto della classifica. In corsa per gli spareggi promozione rimangono anche il Benevento che piega in rimonta 2-1 il Latina, e il Cittadella, 1-1 sul campo del Novara. Si allontana dalla zona retrocessione, invece, la Salernitana che vince 1-0 lo scontro diretto a Vicenza lasciando i veneti invischiati nei bassifondi assieme pure al Pisa che pareggia a Brescia riuscendo a staccare di un punto il Latina. Continua a crederci, infine, il Trapani che ad Ascoli rimonta da 0-2 a 2-2 e tiene accesa la fiammella della speranza nonostante il ritardo e l’ultimo posto della graduatoria. Per i marchigiani, viceversa, un’occasione ghiottissima persa per lasciare definitivamente la linea rossa del campionato.

Assente per squalifica ma saldamente al comando della classifica marcatori Giampaolo Pazzini (Verona) con 17 reti, Caputo (Entella) resta a 13, Dionisi (Frosinone) e Litteri (Cittadella) a 10, mentre a quota 9 c’è un gruppone formato da Caracciolo (Brescia), Coda (Salernitana), Antenucci (Spal), Ciano (Cesena), Lasagna (Carpi) ed Avenatti (Ternana).

di Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles