Serie B, 23.ma giornata: Verona e Frosinone allungano, il Benevento avvicina la Spal

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 27 Seconds

Vanno avanti a braccetto Verona e Frosinone, prima e seconda della classifica del campionato di serie B e brave ad approfittare del mezzo passo falso della Spal a Vicenza per aumentare il loro vantaggio sul terzo posto e proseguire la loro marcia verso la promozione diretta in serie A.

Il Verona batte abbastanza in scioltezza la Salernitana grazie alle reti del capocannoniere Pazzini e dell’altra punta Luppi, mantenendo il primato in classifica con 3 punti di vantaggio sul secondo posto e 4 sul terzo. In seconda posizione c’è sempre il Frosinone che supera di misura il Brescia: sia i ciociari che i veronesi aumentano il divario sulla Spal, terza, che a Vicenza gioca male, va sotto di un gol e si salva al 90′ grazie ad una zampata di Sergio Floccari, due gol in due partite per l’ex laziale da quando è sbarcato in Emilia. Spal ora tallonata dal Benevento che riprende la marcia dopo un periodo di annebbiamento e la sconfitta patita proprio a Ferrara: i giallorossi di Baroni travolgono il Carpi 3-0 confermandosi compagine compatta e brillante, con tutte le carte in regola per giocarsi i playoff pur da debuttante assoluta della categoria. Al quinto posto resta il Cittadella nonostante la sconfitta di Terni con la formazione umbra che diminuisce la distanza dalla zona salvezza e regala un successo a Carmine Gautieri, neotecnico rossoverde dopo l’addio di Carbone; si confermano fra le prime otto della classifica anche il già citato Carpi, l’Entella (2-2 ad Avellino) ed il Perugia che esce indenne (0-0) dallo scontro diretto di Bari contro una squadra, quella di Colantuono, ancora troppo altalenante nel suo rendimento.

In zona salvezza fanno scalpore i successi delle ultime due della classe: detto della vittoria della Ternana sul Cittadella, vince infatti anche il Trapani fanalino di coda che supera 3-1 in trasferta la Pro Vercelli, conquista il secondo successo consecutivo (il primo lontano da casa) e riaccende la fiammella della speranza, anche se i punti che separano i siciliani dalla salvezza sono ancora 5. Perde un’ottima occasione per lasciare i bassifondi della classifica, invece, il Cesena, rimontato due volte da un buon Ascoli che, viceversa, si mantiene a debita distanza dal pericolo (e con una gara da recuperare), così come anche Vicenza, Brescia e Salernitana, mentre il Pisa acciuffa a Novara in pieno recupero un pareggio utile sia per il morale che per la classifica, perchè gli uomini di Gattuso sono ora sest’ultimi, seppur con la spada di Damocle di una sicura penalizzazione. Occhi aperti anche per il Latina, appena un punto sopra i toscani ed impegnato nel posticipo del lunedì in casa dello Spezia, all’ultima chiamata per riagganciare il treno playoff.

Passo avanti per Giampaolo Pazzini (Verona) in testa alla classifica cannonieri: l’ex milanista si porta a quota 17 reti (in 19 gare giocate, peraltro) e distanzia Caputo (Entella) fermo a 12; seguono Litteri (Cittadella) a 10 e il gruppo a quota 9 formato da Dionisi (Frosinone), Coda (Salernitana), Lasagna (Carpi) ed Avenatti (Ternana).

di Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles