Seria A. Roma corsara a Napoli, vola il Milan. Solita Juve, crollo Inter

Print Friendly, PDF & Email
Read Time3 Minutes, 35 Seconds

Foto_Serie-ATante sorprese nell’Ottava giornata di Serie A, allungano Roma, Juventus e Milan mentre Napoli, Fiorentina, Lazio e Inter rimangono al palo. Ma la vera sorpresa del week end è senza dubbio la larga vittoria al San Paolo proprio dei giallorossi. La squadra di Spalletti si impone per 3 a 1 in una partita a tratti entusiasmante con continui capovolgimenti di fronte. Partono bene i partenopei che impongono subito un ritmo veloce e sfiorano per ben due volte il vantaggio, dal 20 esimo in poi, complice il gran caldo, le due squadre rimangono in attesa senza accelerare troppo ma a fine primo tempo è la Roma a passare con il gol di Dzeko, grazie a un errore di Koulibaly. Nella seconda frazione le cose non cambiano, il Napoli si butta in avanti mentre i giallorossi si difendono ordinatamente sfruttando a pieno quando possibile il contropiede, da un calcio da fermo guadagnato da Dzeko nasce il 2 a 0 romanista firmato ancora dall’attaccante bosniaco che realizza la seconda doppietta stagionale e si porta a 7 gol in 8 giornate.

Il Napoli non ci sta e subito dopo accorcia le distanze con Koulibaly sugli sviluppi di un calcio d’angolo, gli azzurri provano allora l’assalto finale alla ricerca del pareggio ma la Roma, a pochi minuti dal termine, trova il definivo tris con Salah sempre in contropiede. Per i giallorossi tre punti d’oro dopo quelli conquistati all’Olimpico contro l’Inter, tre punti che scacciano le polemiche delle ultime settimane per un inizio di campionato con più ombre che luci. Per la squadra di Sarri tanti rimpianti per un approccio sbagliato, per le occasioni create e soprattutto per un attacco spuntato orfano dell’infortunato Milik e con l’adattato Gabbiadini come punta centrale. Così dopo la sconfitta di Bergamo un altro scivolone che allontana Hamsik e compagni dalla testa della classifica.

Continua, senza sosta, a vincere la Juventus che in casa con l’Udinese dopo un inizio di difficile riesce a portare a casa i tre punti. Allo Juventus Stadium, partita in salita per i bianconeri che vanno in svantaggio al 30 esimo grazie a un gran tiro dalla distanza di Jankto, poi i valori in campo vengono inevitabilmente fuori e al 43 esimo, Paulo Dybala pennella una perfetta punizione sulla quale Karnezis non può nulla. A inizio ripresa il folletto argentino fa doppietta su calcio di rigore firmando una vittoria alla vigilia scontata ma comunque fondamentale. Seconda sconfitta consecutiva, invece, per l’Inter che al Meazza perde per 2 a 1 contro il Cagliari. Atmosfera surreale allo stadio durante la partita perché mentre la curva Nord contesta il proprio capitano Icardi per le dichiarazione emerse nella sua autobiografia da poco pubblicata, il resto dello stadio applaude l’argentino in pieno disaccordo con la propria curva. Non partono male, però, i nerazzurri che vanno in vantaggio con Joao Mario ad inizio ripresa poi è solo Cagliari, Melchiorri fa doppietta, con la complicità soprattutto nella seconda rete di un Handanovic a dir poco impacciato. Una sconfitta che fa male e che allontana sempre di più i nerazzurri dalle zone alte della classifica. Pareggia la Lazio in casa contro il Bologna,  in una partita dominata dai biancocelesti in lungo e in largo con decine di occasioni da gol create vanno in vantaggio i rossoblù con Hellander sugli sviluppi di un calcio di punizione. I ragazzi di Inzaghi reagiscono creando come detto prima molto per tutto il match e solo i straordinari interventi di Da Costa impediscono soprattutto a Immobile di capitalizzare. Solo in pieno recupero Immobile riesce a trovare il pari su penalty. Due punti persi per i biancocelesti che avevano la grande occasione di agganciare i cugini al secondo posto, una partita stregata come poche, la giovane età dell undici tirolare capitolino che di certo non aiuta nella lettura di partite come queste.

Sale al secondo posto, invece, il Milan che espugna il Bentegodi, la squadra di Montella gioca una grande gara contro un Chievo sottotono. Vanno in vantaggio i rossoneri con Kucka a fine primo tempo, poi a inizio ripresa Niang firma il 2 a 0, accorcia le distanze Birsa ma al 94 esimo un autogol di Dainelli chiude gioco e match. Nelle altre partite continua a vincere il Sassuolo che si impone al Mapei Stadium per 2 a 1 contro il Crotone, due pareggi a reti bianche per Fiorentina e Genoa rispettivamente contro Atalanta e Empoli mentre questa sera andrà di scena al Barbera Palermo-Torino.

di Claudio Serratore

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles