Serie A, sorpasso del Sassuolo su un Milan disastroso. Spera il Palermo

Trentaseiesima giornata di Serie A che soltanto questa sera vedrà il suo pieno compimento, due posticipi importanti illumineranno, infatti, il lunedì calcistico. Di scena al Marassi la Roma contro il Genoa cercherà di  mettere paura al Napoli in ottica secondo posto mentre i partenopei ospiteranno al San Paolo un’ Atalanta già salva e che non ha più nulla da chiedere al campionato.

Foto_Serie-ANel lunch match della domenica non si ferma, però, la Juventus già campione d’Italia con ben tre turni d’anticipo. I bianconeri, al loro quinto scudetto consecutivo, non hanno intenzione di mollare in campionato, allo Juventus Stadium un Carpi dominato con facilità e autorevolezza. A fine primo tempo la sblocca Hernanes su assist di Asamoah mentre nel secondo la chiude Simone Zaza, la squadra di Allegri raggiunge quota 88 punti e inizia nel migliore dei modi il cammino che la porterà alla finale della Tim Cup contro il Milan.

Pareggio pirotecnico proprio a San Siro tra i rossoneri e il Frosinone, brutta partenza della squadra di Brocchi che nella prima frazione di gioco va in doppio svantaggio per mano di Paganini al secondo minuto  e di Kragl allo scadere. Non comincia nel migliore dei modi neanche il secondo tempo visto che Mario Balotelli si fa parare un penalty da Bardi. Bacca, però, accorcia le distanze ma Dionisi ristabilisce subito il doppio vantaggio peri ciociari poi un finale rocambolesco nel quale il Milan con Antonelli prima e Menez poi, su rigore al 92esimo, acciuffa un pareggio che, però, non accontenta nessuno. I canarini rimangono a meno 4 dalla salvezza mentre i rossoneri scendono settimi superati di un punto dal Sassuolo.

Proprio i neroverdi, vera e propria sorpresa del campionato, non smettono di vincere e battono di misura, grazie a un gol di Pellegrini al 58esimo, un Verona orgoglioso e combattivo. In zona retrocessione, importante vittoria del Palermo al Barbera contro la Sampdoria, un 2 a 0, firmato Vazquez e Krsticic, che consente ai rosanero di agganciare il Carpi al quartultimo posto a quota 35 punti. Il posticipo domenicale vede trionfare la Lazio di Simone Inzaghi all’Olimpico contro un Inter contratta e poco concreta sotto porta. Nel primo tempo la sblocca subito Miroslav Klose che con un delizioso pallonetto beffa Samir Handanovic, a pochi minuti dal termine la chiude su rigore Antonio Candreva.

Una vittoria senza valore per i biancocelesti, una sconfitta che impedisce, invece, ai nerazzurri di ipotecare il quarto posto. Negli anticipi del Sabato, scialbo pareggio a reti bianche quello del Bentegodi tra Chievo Verona e Fiorentina mentre al Friuli goleada del Torino sull’Udinese, pokerissimo firmato da Jansson, Acquah, Martinez, Belotti e di nuovo Martinez mentre il gol della bandiera dei bianconeri è firmato da Felipe.

di Claudio Serratore

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *