Serie B, 18.ma giornata: Crotone inarrestabile, Cagliari fermato a Livorno

di Marco Milan

“Prima o poi si ferma”. E’ la frase che per tutto l’anno scorso ha accompagnato il Carpi in cui pochi credevano e che alla fine del campionato si è preso la serie A con una facilità imbarazzante oltre che con pieno merito. Stavolta è il turno del Crotone che settimana dopo settimana sta costruendo una cavalcata da sogno: la squadra di Juric vince (quasi) sempre e domina ogni avversario grazie a gioco e fisicità, inoltre il croato Budimir si sta imponendo come uno dei migliori centravanti della serie B.

Cosa manca insomma ai calabresi? Purtroppo per loro manca oltre un girone alla fine del campionato e i pericoli non sono certo pochi per la truppa rossoblu che per battere il pericolante Modena ha dovuto aspettare la mezz’ora del secondo tempo e il solito colpo di Ante Budimir, attaccante che alla fine la butta sempre dentro. Crotone primo e con 3 punti di vantaggio sul Cagliari, raggiunto sull’1-1 dal Livorno e tallonato dal Bari che a fatica si è imposto sul Perugia; al quarto posto resiste il Novara che giocherà il posticipo contro il Trapani, ma che ora è avvicinato da uno scatenato Brescia, autore di una vittoria fondamentale a Vicenza (in crisi la squadra di Marino) grazie alla doppietta dell’immortale Caracciolo, arrivato a 99 reti in serie B. Zona playoff anche per il Pescara dopo il 2-0 all’Entella che ferma la lunghissima serie di risultati utili consecutivi dei liguri, mentre perde posizioni il Cesena battuto pure a Vercelli; in netta ripresa c’è lo Spezia che dopo l’approdo sulla panchina di Domenico Di Carlo ha conquistato 7 punti in tre partite, gli ultimi acciuffati col 2-1 sul Latina che torna in zona pericolo con l’aggancio della Salernitana che ritrova la vittoria a spese dell’Ascoli. Sempre per quel che riguarda i bassifondi della classifica, il 4-0 della Ternana sul Como rinvigorisce gli umbri, ora fuori dal rischio playout, e lascia i lombardi all’ultimo posto; un gradino sopra gli azzurri di Festa c’è il Lanciano che ad Avellino va avanti 2-0 e si lascia poi rimontare dai campani che vincono 3-2 con rete decisiva del redivivo Castaldo al primo centro in questo campionato; boccata d’ossigeno vitale per gli irpini di Tesser.

Lapadula (Pescara) rafforza il suo primato nella classifica dei marcatori realizzando la rete numero 10 del suo campionato, ma è inseguito da Vantaggiato (Livorno) a 9 e da Budimir (Crotone), Geijo (Brescia) e Piccolo (Lanciano) a quota 8.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *