Serie B, 14.ma giornata: Bari e Crotone in scia del Cagliari, cambio di allenatore a La Spezia

di Marco Milan

La 14.ma giornata di serie B è orfana ancora da chi il campionato lo sta dominando, ovvero del Cagliari che nel posticipo affronterà al Sant’Elia l’Ascoli in ripresa. Intanto i sardi fanno i conti col fiato sul collo di Bari e Crotone che al momento si portano ad una sola lunghezza dagli isolani di Rastelli, dopo aver battuto rispettivamente e con molta fatica Livorno e Ternana.

Il Bari di Nicola piega quasi al 90′ grazie ad una zampata del solito Maniero un coriaceo Livorno, il Crotone deve attendere la doppia superiorità numerica per travolgere la Ternana con un 3-0 che rispecchia in parte l’andamento di una partita guidata dai calabresi ma ottimamente interpretata anche dagli umbri di Breda. L’altra notizia di giornata è poi l’esonero di Nenad Bjelica dalla panchina dello Spezia: il tecnico croato è stato allontanato dalla dirigenza ligure dopo l’ennesima sconfitta che ha fatto precipitare gli spezzini in zona retrocessione, a fronte dei soliti propositi di playoff sbandierati in estate; a Novara lo Spezia ha perso ancora e Bjelica ha finito col pagare per tutti (Camplone, Di Carlo e Novellino in lizza per la sostituzione dello slavo); mentre i novaresi irrompono in zona promozione dopo un avvio stentato e grazie alla vena realizzativa delle proprie punte. Alta classifica pure per il Pescara dopo il 3-2 sull’Avellino, e per il Cesena che ha pareggiato a Vicenza 1-1. Risalgono le quotazioni del Perugia dopo il pesantissimo 4-0 rifilato ad un irriconoscibile Brescia, e risalgono pure quelle del Trapani che ha piegato un volenteroso ma inconcludente Modena che reta viceversa imbrigliato nei bassifondi, così come il Lanciano che non è riuscito a vincere in casa dell’Entella (liguri in serie positiva da 9 turni) nonostante l’iniziale vantaggio. Male anche il Latina, raggiunto da 2-0 a 2-2 da una Salernitana combattiva che ha mandato ancora in gol Donnarumma (doppietta per lui) che ha realizzato 4 reti nelle ultime tre gare. Punti pesanti, infine, per la Pro Vercelli che ha battuto agevolmente il Como per 2-0 scavalcando la zona pericolo; per i lombardi, invece, l’ennesima sconfitta di un campionato sempre più disastroso e con una sola vittoria in 14 giornate.

C’è sempre Lapadula (Pescara) in vetta alla classifica dei marcatori con 8 reti, seguito da Geijo (Brescia) e Vantaggiato (Livorno) a 7 e dagli avellinesi Mokulu e Trotta, oltre che da Farias (Cagliari) e Raicevic (Vicenza) a quota 6.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *