Formula 1, Spagna: primo acuto di Rosberg, Hamilton e Vettel sul podio

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 19 Seconds

1272979-27451287-1600-900Al quinto appuntamento del mondiale 2015 ecco il primo successo di Nico Rosberg che domina il gran premio di Spagna fin dal venerdì, batte Hamilton e si porta al secondo posto della classifica con 20 punti di ritardo dal compagno di squadra della Mercedes, secondo a Barcellona per l’ennesima doppietta della scuderia tedesca.

E’ stato chiaro già dalle prime prove libere del venerdì che Rosberg stavolta ne aveva più di Hamilton, poi la pole position record del tedesco aveva confermato l’impressione, infine la gara, dominata dal primo all’ultimo giro nonostante il disperato tentativo di Hamilton di effettuare una sosta in meno, impresa poi riposta nel cassetto per l’eccessiva usura delle gomme. Nona vittoria della carriera per Rosberg che si porta a 20 punti dal campione del mondo in carica e si riporta nella scia iridata. Secondo un comunque combattivo Hamilton che le ha provate tutte per battere il suo compagno di squadra, ma alla fine si è arreso alla superiorità dell’altra Mercedes accontentandosi di un secondo posto utile per il campionato. Sul podio anche Sebastian Vettel che in partenza le aveva suonate allo stesso Hamilton per poi cedere la posizione dopo le soste ai box che hanno visto prevalere l’inglese sul tedesco della Ferrari che porta però a casa punti importanti per la classiffica costruttori, battendo la Williams di Bottas, quarto e bravo a tenere dietro un Raikkonen scatenato dopo la pessima qualifica (settimo posto) e che per un soffio non ha battuto il più giovane connazionale. Il problema della Ferrari, piuttosto, non è tanto il piazzamento, quanto il distacco: 45 secondi di ritardo da Rosberg per Vettel, un minuto tondo per Raikkonen; di questo passo, vedere la bandiera a scacchi per primi sarà una chimera da qui al prossimo novembre. Malino Massa, nono in prova e settimo in gara, mentre per la Red Bull continua l’anonimato: Ricciardo fa quello che può (settimo posto onorevole) ma la vettura è lenta e non ha proprio ritmo. Buona prova per le Lotus, con Grosjean ottavo e Maldonado sì ritirato, ma molto sfortunato (alettone posteriore danneggiato) mentre si stava comportando benissimo con una settima posizione che aveva il profumo dell’impresa per il venezuelano; notte fonda, viceversa, per la McLaren: Alonso si ritira per problemi ai freni quando comunque era 13.mo, Button agonizza in diciassettesima posizione e malinconicamente davanti alle sole Manor che si avvicinano molto più alle comune utilitarie che a macchine di Formula 1. McLaren che dimostra ancora un grave ritardo, duro da colmare in tempi brevi, ed i punti in campionato sono ancora zero.

La Formula 1 torna fra due settimane a Montecarlo, per una lotta mondiale che pare aver recuperato il principale antagonista di Hamilton (Rosberg) e che darà, vista l’imprevedibilità del tracciato, opportunità di avvicinarsi anche a chi insegue, alle Ferrari da podio costante e alle Williams in netta ripresa.

di Marco Milan

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles