Serie A. Juventus: scudetto a un passo. Roma e Lazio sfida all’ultima curva

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 20 Second
Serie A
Serie A

Sarà scontro all’ultimo colpo, un finale impensabile qualche mese fa, ma tant’è. Roma e Lazio si giocheranno il secondo posto colpo sul colpo fino al derby del 24 maggio, gettando sempre un occhio al Napoli che da dietro ha nel mirino le due romane.

La Lazio, sconfitta sabato sera dalla solita corazzata bianconera, non si è vista superata, ma solo raggiunta a pari punti, dalla solita brutta Roma di questi ultimi mesi. Lazio è stata sconfitta 2 a 0 a Torino con le reti di Tevez e Bonucci, mentre i giallorossi dopo essere andati in vantaggio contro l’Atalanta con Totti dal dischetto (298 gol con la maglia della Roma), si sono fatti riprendere dal rigore di Denis e si sono fatti sommergere dai fischi di un Olimpico semi vuoto. Già l’Olimpico non aveva la Curva Sud, squalificata per gli striscioni contro la madre di Ciro Esposito, e priva dei tifosi che hanno deciso di non andare allo stadio in aperta contestazione con la scelta del Presidente James Pallotta di non presentare ricorso per la chiusura del settore.

Roma e Lazio restano così seconde a 58 punti, mentre la Juventus è a quota 73 e ha nel mirino, già a partire da domenica prossima, proprio nel derby, lo scudetto numero 31 (33 per chi conta i famosi scudetti revocati). Inutile dire che adesso la Juve si è meritatamente conquistata la possibilità di concentrarsi esclusivamente sulla Champions. 

Dietro le romane è tornato a spingere il Napoli, che passeggiando sul Cagliari per 3 a 0 (reti di Callejon, autogol di Balzano e Gabbiadini) ha piazzato la seconda vittoria di fila ed è salito a -5 dal duo al secondo posto. Sempre più serie B per un Cagliari allo sbaraglio e colpito in settimana dalla folle e stupida violenza di alcuni pseudo tifosi.

Con il derby di Milano che si è impattato sullo 0 a 0, grazie anche all’arbitro Banti che non ha concesso un rigore solare all’Inter, resta aperta la caccia ai posti per l’Europa League. 0 a 0, come detto, per le milanesi, in uno dei derby dal più basso contenuto tecnico della storia recente delle società, e pareggio sempre a reti bianche anche tra Sampdoria e Cesena. Perde l’occasione di accorciare il Genoa che si è fatto stendere dalla doppietta di Chochev, inutile il nono sigillo di Falque. Stessa occasione persa anche per il Torino, fermato 1 a 1 sul campo del Sassuolo: Berardi e Quagliarella, entrambi dal dischetto i marcatori. Pareggio 1 a 1 tra Chievo e Udinese che ormai hanno poco da chiedere e 2 a 2 tra Empoli e Parma. Chiuderà il programma la Fiorentina contro il Verona, per i viola la possibilità di superare la Samp dal posto quinto posto. 

di Cristiano Checchi

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles