Nazionale. De Rossi e Balotelli a casa. Arrivano Eder, Vasquez e Valdifiori

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 48 Second

valdifioriTorna in campo l’Italia di Conte, il campionato di serie A si ferma per un turno per fare spazio al doppio appuntamento della nazionale. Gli azzurri scenderanno in campo sabato 28 contro la Bulgaria, match valido per le qualificazioni al prossimo europeo e martedì 31 marzo in amichevole contro l’Inghilterra allo Juventus Stadium.

Il commissario tecnico azzurro ha sorpreso e non poco lasciando a casa Daniele De Rossi e Mario Balotelli, torna in difesa Andrea Barzagli. Il difensore bianconero torna in nazionale dopo nove mesi di assenza forzata causa infortunio e solo dopo sole tre partite con la Juventus torna in azzurro. Il ct lo stima molto e non ha perso tempo mentre la Juve storce il naso, i campioni d’ Italia avrebbero preferito tenerlo precauzionalmente a riposo e sfruttare la sosta per fargli trovare la forma migliore. Nuovi attriti tra la Juventus e Conte nonostante Massimiliano Allegri si è detto comunque felice del ritorno del difensore azzurro in nazionale. Non solo vecchie conoscenze, però, ma anche new entry come Valdifiori dell’Empoli, Vazquez del Palermo e Eder della Sampdoria. Il giovane centrocampista dei toscani è uno dei pilastri della banda Sarri, una squadra giovane che gioca un calcio organizzato e armonico grazie al quale ha collezionato otto risultati utili consecutivi e che si avvicina spedita alla quota salvezza.

L’italo argentino Vazquez si è conquistato la maglia azzurra a suon di ottime prestazioni con il Palermo ed allunga la lista degli oriundi che hanno esordito in nazionale. L’altro oriundo, invece, non è più giovanissimo e ha conquistato la sua prima convocazione in nazionale a 28 anni. Eder, autore di nove reti in campionato, ha conquistato tutti per concretezza e spirito di sacrificio. L’italo brasiliano è uno dei protagonisti indiscussi della Sampdoria targata Sinisa Mihajlovic, suo il gol partita nell’ultima vittoria casalinga contro l’Inter. Lunga la lista degli oriundi che hanno vestito la maglia della nazionale italiana, tra gli ultimi, in ordine di tempo, si ricordano Juan Pablo Osvaldo, Mauro German Camoranesi, Paletta ed Amauri. Una nazionale piena di giovani ma con tanta qualità, confermati in attacco, infatti, Gabbiadini, Zazza e Ciro Immobile. Una nazionale che sotto la guida di Conte cerca il riscatto dopo il deludente mondiale in terra brasiliana, partita fondamentale contro la Bulgaria a quota 4 in classifica. Italia al primo posto con dieci punti insieme alla Croazia seguite a un solo punto dalla Norvegia terza. Una classifica molto corta, per ora, decisivo sarà lo scontro diretto in terra croata che si giocherà il 12 giugno. Non è un mistero che il ct, volesse avere più tempo per lavorare su un gruppo rifondato dopo la disfatta brasiliana, la richiesta di uno stage aggiuntivo ha trovato, però, il veto dei club italiani che non vogliono privarsi ulteriormente dei loro giocatori. Una polemica che va avanti da molto tempo, una vicenda tutta italiana segno di un movimento azzurro che ha perso, negli ultimi anni, l’appeal che aveva un tempo.

Di seguito riportiamo la lista completa dei convocati:

Portieri: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain);

Difensori: Barzagli (Juventus), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Moretti (Torino), Ranocchia (Inter);

Centrocampisti: Antonelli (Milan), Bertolacci (Genoa), Candreva (Lazio), Darmian (Torino), Florenzi (Roma), Marchisio (Juventus), Parolo (Lazio), Pasqual (Fiorentina), Soriano (Sampdoria), Valdifiori (Empoli), Verratti (Paris Saint Germain);

Attaccanti: Eder (Sampdoria), Gabbiadini (Napoli), Immobile (Borussia Dortmund), Pellé (Southampton), Vazquez (Palermo), Zaza (Sassuolo), Cerci (Milan).

di Claudio Serratore

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles