MotoGP, gp della Repubblica Ceca: Pedrosa ferma l’egemonia di Marquez. Lorenzo e Rossi sul podio

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 19 Seconds

Cade dopo dieci vittorie consecutive il record di Marc Marquez, costretto a Brno nel gran premio della Repubblica Ceca a cedere lo scettro al suo compagno di squadra Daniel Pedrosa. Marquez riesce così solo ad appaiare Giacomo Agostini a dieci vittorie nelle prime dieci gare della stagione, ma non a superarlo.

E’ Daniel Pedrosa l’uomo che compie l’impresa di scalzare Marc Marquez dal gradino più alto del podio nel 2014, anche se a conti fatti cambia pochissimo: in classifica il vantaggio di Marquez resta abissale (77 punti su Pedrosa, 90 su Rossi), a vincere è stato sempre uno della Honda HRC che ha fatto centro in tutti gli appuntamenti stagionali, e a vincere è stato sempre un pilota spagnolo. Pedrosa torna a stare davanti a tutti nel giorno in cui forse non se lo aspettava nessuno, partendo dalla quinta posizione in griglia e con gli occhi puntati tutti sull’altra Honda che scattava come al solito dalla pole position e sui piloti della Yamaha che a Brno erano carichi a pallettoni ed infatti sono finiti subito dietro al vincitore, Lorenzo secondo nonostante i disperati tentativi finali di attaccare Pedrosa, Valentino Rossi terzo e contento dopo l’infortunio occorso nelle prove del venerdì. Coriacea la gara di Rossi, cattivo con Marquez e determinato a tenerlo dietro per tutta la corsa. Il leader del mondiale chiude quarto in quella che probabilmente è stata la gara più anonima della sua breve ma intensissima carriera in MotoGP. Qualcosa non andava nella Honda numero 93, feeling fra moto e pilota lontano anni luce dalle prime 10 uscite del 2014. Nulla di preoccupante, come detto, per il campione del mondo in carica, ma la sua espressione delusa a fine gara dimostra quanto tenesse al record di Agostini e a quello ancor più ambizioso di riuscire a vincere tutti gran premi di questo campionato. Ma c’è sempre una prima volta e Marquez può comunque dormire sonni tranquilli.

Duello made in Italy per la quinta posizione fra Iannone e Dovizioso che se ne sono date di santa ragione con le loro Ducati sino all’ultimo metro del circuito. Alla fine l’ha spuntata Iannone che addirittura all’inizio era stato in testa alla gara ma che come al solito ha dovuto cedere al degrado delle gomme. Iannone, inoltre, ha regalato una sfida tutta muscoli con Marquez che voleva passare a tutti i costi e si è dovuto invece sudare un sorpasso fatto anche di colpi e occhiatacce fra lo spagnolo e l’abruzzese. Chiude quattordicesimo il beniamino di casa Karel Abraham, mentre la giornata dei fratelli Espargaro è poco entusiasmante: Pol finisce sulla ghiaia, Aleix chiude solo all’undicesimo posto.

Nell’ultimo fine settimana di agosto, il motomondiale farà tappa in Inghilterra dove Marquez sarà più indiavolato che mai dopo l’interruzione di vittorie, ma con gli avversari pronti a batterlo ancora, ora che hanno capito che in fondo in fondo si può.

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles