Formula 1, Gp di Spagna: Mercedes inarrivabile, la Red Bull è una certezza, la Ferrari una delusione

di Marco Milan

Con quasi sei mesi di anticipo la Mercedes mette entrambe le mani sul campionato del mondo di Formula 1. A Barcellona, la scuderia di Stoccarda vince la quinta gara su altrettante disputate in questa stagione (4 vittorie di Hamilton, una di Rosberg) ed annienta con distacchi apocalittici i tentativi di rimonta degli avversari.

Uno spauracchio assoluto, dunque, questa Mercedes, imbattibile tanto in qualifica quanto in gara. E infatti la lotta nel gran premio di Spagna c’è stata soltanto fra i due piloti della squadra leadership del mondiale: Hamilton, partito in pole position, è scappato via subito, ma Rosberg, giro dopo giro, ha rosicchiato quei secondi che lo hanno portato ad avvicinarsi molto al compagno di squadra, pur non mettendone in discussione la vittoria e la testa del mondiale, ora nelle mani del pilota britannico che è 3 punti avanti al compagno tedesco. E’ evidente come la Mercedes per questa stagione non abbia rivali e resta da capire solamente chi fra Hamilton e Rosberg sarà campione del mondo.

Alle spalle dei marziani in tuta grigia, comunque, esiste anche un altro campionato che per il momento sta vincendo la Red Bull. Ricciardo è ormai una certezza: si piazza terzo in griglia dietro alle Mercedes e conferma tale posizione anche in gara, guadagnandosi un podio tutt’altro che disprezzabile. Ma in Red Bull, stavolta, il capolavoro lo fa Sebastian Vettel, partito addirittura in quindicesima posizione a causa della sostituzione del cambio, e giunto quarto al termine di una serie impressionante ed affascinante di sorpassi che confermano come la vettura austriaca sia competitiva e migliori volta per volta, passo per passo, nonostante ancora qualche inconveniente tecnico di troppo. Pessima la Ferrari, la più evidente delusione di questa prima parte di campionato: Alonso chiude sesto e Raikkonen settimo, entrambi protagonisti di una gara scialba, entrambi tagliati fuori dalla lotta per il podio e anche per quella iridata. I vertici di Maranello sbandierano novità in vista del gran premio del Canada di inizio giugno, ma appaiono aspirine promesse ad un moribondo. Altra enorme delusione è la McLaren, partita col botto in Australia (doppio podio) e poi crollata miseramente; anche in Spagna, sia Button che Magnussen sono finiti fuori dalla zona punti. Nel 2015 arriveranno i motori Honda, probabilmente Fernando Alonso, ma di certo l’attuale stagione sta regalando delusioni a ripetizione per la casa di Woking. In leggera ripresa la Lotus, a proposito di delusioni targate 2014, con i primi punti del campionato, portati da Grosjean e dal suo ottavo posto.

Fra quindici giorni il gran premio di Montecarlo: il circuito cittadino bloccherà l’inarrestabile Mercedes? Ancora due settimane e ne sapremo di più.

 Foto esterna: LicenzaAttribuzione Alcuni diritti riservati a Formula One World Championship

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *