Libri – Prima di CSI, c’era la Cornwell

di Arianna Catti De Gasperi

Sinossi:

Un serial killer è in azione nella città di Richmond: già tre donne sono morte violentate e strangolate nella loro camera da letto. La sola costante è che i delitti avvengono sempre di Sabato, prima dell’alba.

Kay Scarpetta, la nostra protagonista, viene svegliata nel cuore della notte da una telefonata della polizia ed  intuisce immediatamente che l’assassino ha agito di nuovo. Tra le varie ipotesi, c’è anche quella di essere il suo prossimo obiettivo. Proprio in questo libro incontriamo per la prima volta l’anatomopatologa Kay Scarpetta e conoscere anche tutti i vari personaggi che ritroveremo nei suoi prossimi romanzi tra cui Pete Marino e Benton Wesley. Marino è un poliziotto della polizia di Richmond in Virginia ed è stato incaricato di indagare sul serial killer che sta terrorizzando la città. Kay Scarpetta è la direttrice del centro di medicina legale e viene chiamata lei ad aiutare Marino nelle indagini per cercare, attraverso indizi e metodi scientifici, di scoprire chi sia il serial killer e cercare di bloccarlo prima che provochi altre morti. Che si tratti di un serial killer è evidente dal modus operandi e dal giorno della settimana: uccide sempre donne che vivono sole e colpisce sempre tra il venerdì e il sabato. Gli indizi rilevati non sono molti: un odore dolciastro che il killer lascia nella casa e alcune pagliuzze dorate che sono sui corpi delle vittime. Da qui partirà l’indagine ma prima che si riesca a capire un po’ meglio il serial killer e come bloccarlo, purtroppo colpirà altre due volte. Nessuna donna sola è tranquilla.

Postmortem è il primo libro della serie di Kay Scarpetta, medico legale esperta di indagini forensi, che ha dato il via ha una serie di libri di successo di Patricia Cornwell.
All’epoca in cui uscì il libro, questo genere di giallo era nuovo: non c’erano cronache minuziose di autopsie, descrizioni di cadaveri uccisi nei modi più fantasiosi e crudeli, né nozioni tecniche di anatomopatologia e balistica. Oggi invece, riscontriamo questo genere non solo in molti libri, ma anche in famosissime serie TV come CSI, Bones, NCIS, etc.

Nel leggere questo volume, sicuramente il lettore verrà colpito dalla conoscenza della materia dei fatti che racconta – questo perche la Cornwell stessa ha lavorato presso l’Ufficio di medicina legale della Virginia – ma anche da come sono ben descritti.
E’ certamente un libro che si legge tutto d’un fiato, poiché la curiosità nei confronti di chi sia l’assassino e del suo modo contorto di pensare è quasi morboso. L’intreccio tra i personaggi e i fatti narrati è perfetto e ne risulta un thriller/giallo che nonostante tutto non fa pesare la sua crudezza e violenza.
Scritto con uno stile asciutto ed essenziale, Postmortem  risulta difficilmente banale e scontato – grazie anche alla ricchezza di particolri.

Questo romanzo  è decisamente il precursore del nuovo genere investigativo, ricco di tecniche scientifiche che danno una svolta determinante alle indagini.

 

Note sull’autrice:

Patricia Daniels Cornwell (Miami, 9 giugno 1956) è una scrittrice statunitense. È una discendente di Harriet Beecher Stowe, l’autrice de La capanna dello zio Tom.

L’enorme successo di critica e pubblico dei romanzi che vedono protagonista la dottoressa Scarpetta non è stato duplicato dai romanzi che hanno per protagonisti Judy Hammer e Andy Brazil.

L’ultima avventura di Kay Scarpetta (la quindicesima, intitolata “Book of the Dead”, in Italia “Il Libro dei Morti”, pubblicata nel 2007) è dedicata alla «Dr.ssa Staci Gruber, professoressa associata in Psichiatria alla Harvard Medical School e direttrice associata del Laboratorio delle Neuroimmagini Cognitive all’Ospedale McLean». La competenza professionale della dottoressa Gruber è evidente nei dettagli scientifici del libro, ma il rapporto fra le due donne è assai più che professionale. Nel febbraio 2005 le due si sono unite in matrimonio.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *