Atp World Tour Finals. Djokovic Maestro del tennis per la terza volta: battuto Nadal 6-3 6-4

Il titolo di maestro del tennis per Rafael Nadal sembra essere letteralmente stregato. Lo spagnolo numero uno del mondo ha perso anche la seconda finale in carriera alle Atp World Tour Finals. Il suo giustiziere è stato, neanche a dirlo, Novak Djokovic che con questo successo si è aggiudicato per la terza volta il prestigioso torneo londinese.

La partita è stata un vero e proprio dominio del tennista serbo che ha scelto di cominciare al servizio, un segnale molto forte all’avversario, e ha cominciato subito a spingere sull’accelleratore. Il 3-0 in suo favore sembrava un avvio sufficiente per chiudere in tranquillità il primo parziale. Dall’altra parte della rete non c’era però un tennista qualsiasi, la reazione di Nadal è stata veemente: 3-3 in pochi minuti e tutto ad rifare per il serbo. Spettatori ed appassionati di tennis stupiti per la grande reazione del tennista maiorchino, impassibile invece Nole che non ha aspettato neppure un secondo per riprendere in mano la gara, nel settimo game ha tenuto facilmente il servizio e in quello successivo lo ha strappato ancora una volta all’avversario. Il break è arrivato al termine di uno scambio tanto strepitoso quanto massacrante in cui Nadal ha inflitto un paio di terribili dritti a Nole che, in fase di strenua difesa, ha trovato un pallonetto con cui è riuscito a scavalcare lo spagnolo sceso a rete. A quel punto l’inerzia dello scambio era stata sovvertita e a pochi passi dalla rete il serbo è riuscito a chiudere una facile voleé. Un punto che può essere considerato la fotografia del match e che non poteva non provocare scoramento e delusione in Nadal. Allo spagnolo infatti non è riuscita la stessa reazione di inizio gara, alla battuta Djokovic è stato perfetto e proprio con un ace ha trasformato il set point.

La seconda frazione si è aperta con un Nadal apparentemente più aggressivo e determinato, nel corso del terzo gioco però il copione è tornato ad essere quello di qualche minuto prima: impressionante la reattività e le capacità di Djokovic di trasformare lo scambio da difensivo in offensivo e il break è arrivato puntuale ancora una volta. Da questo momento il serbo non doveva far altro che controllare la gara, e così è stato. Inutili i tentativi, dettati più dall’orgoglio che dalla lucidità tennistica, dello spagnolo di riaprire il match e il secondo set è volato via in breve tempo, risultato 6-4.

Per Djokovic si tratta del ventiduesimo successo consecutivo, ciliegina sulla torta di un finale di stagione a dir poco strepitoso. Quattro i tornei messi in bacheca: Pechino, Shanghai, Parigi Bercy e proprio il Masters di Londra. Questa sconfitta invece non cambia la straordinaria annata di Nadal che, oltre ad aver riconquistato la prima posizione del ranking, ha portato a casa due dei quattro slam a disposizione (Roland Garros e US Open). Per lui però non è arrivata la ciliegina sulla torta e Andre Agassi rimane l’unico atleta ad aver vinto tutti i principali appuntamenti tennistici (i quattro Slam, la Coppa Davis, l’oro olimpico e le World Tour Finals), almeno per il momento.

Giovanni Fabbri

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *