Miss Violence – Parabola di ordinaria follia

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 33 Second

di Annalisa Gambino

Grande successo alla Mostra del Cinema di Venezia 2013 per Miss Violence del greco Alexandros Avranas che si aggiudica il Leone d’argento e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile.

Il regista, attraverso un punto di vista asettico, mette in scena il ritratto di una famiglia disastrata. Perno attorno cui ruota l’intera vicenda è il capofamiglia, un dispotico e terribile padre-padrone. Avranas con sapiente maestria catapulta lo spettatore nell’atmosfera claustrofobica della famiglia già a partire dai primi minuti.

Il film, infatti, inizia immediatamente con una tragedia: durante la festa del suo undicesimo compleanno Angeliki, mentre il resto della famiglia balla e mangia la torta, apre con calma la finestra e si getta nel vuoto. Di colpo la voce profonda di Leonard Cohen sparisce per lasciar risuonare un silenzio agghiacciante. In seguito l’arrivo della polizia e i primi dubbi su quella famiglia all’apparenza così normale e soprattutto così unita.

Lungo il corso della pellicola si fatica a comprendere i ruoli della famiglia. Le parentele sono rivelate lentamente e mai in modo esplicito. Quello che ne è emerge è una verità abominevole. Niente è come sembra, quello che appare come uno scrupoloso padre dedito all’educazione dei propri figli viene piano piano rivelato come un tiranno maniacale fino all’eccesso che fa prostituire le proprie figlie e nipoti. È da ammirare la prova attoriale di Themis Panou nell’aver costruito un personaggio così sgradevole e al tempo stesso così calmo e impassibile.

La figlia più grande Eleni, che si scoprirà solo in seguito essere madre dei due bambini più piccoli, assiste inerme alla situazione in bilico tra il dolore e la necessità di compiacere suo padre come se fosse costantemente sedata; ma senza dubbio la figura più emblematica è la capostipite, la madre, che osserva tutti con rigoroso silenzio senza contrastare mai il volere del marito.

Il regista costruisce uno spaccato di violenza domestica all’interno del quale i valori perbenisti della famiglia si sgretolano. Ciò che risulta particolarmente efficace è il distacco emotivo evidentemente ricercato da Avranas. Attraverso una regia impeccabile e formale, che fa ampio uso di tagli di inquadratura bruschi e ambientazioni asettiche, il pubblico fa fatica a ”entrare dentro” i personaggi. Assente l’immedesimazione con entrambi le parti delle vittime e del carnefice. Gli attimi di empatia sono dunque sporadici ma nel complesso il sentimento più forte che scaturisce la visione è il disgusto.

Miss Violence è uno dei film più inquietanti e scioccanti presentati alla mostra del cinema di Venezia soprattutto perchè la storia a cui si ispira è, purtroppo, tragicamente vera. Si tratta di un fatto successo in Germania. Il regista ha dichiarato di aver sorvolato su dettagli ancora più disumani e violenti rispetto al fatto di cronaca. Nel film a parte una scena particolarmente cruda, la violenza è sempre lasciata ad intendere, un tipo di orrore troppo abominevole per essere rappresentato. Miss Violence più che violento, è un film molto disturbante ed ha anche qualche difetto: la parte iniziale è confusionaria, la narrazione è piatta e, a tratti, noiosa. Il finale poi è scontato e abbastanza prevedibile.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles