Riparte X Factor! Il talent si internazionalizza con un ospite molto atteso

di Arianna Catti De Gasperi

Dopo lunghe attese e (troppe) aspettative, parte la nuova edizione di X-Factor. Una prima serata che tiene 657mila spettatori (2,8% di share record assoluto per una prima) incollati allo schermo, ma che non convince del tutto il pubblico più attento che sembra sospendere il giudizio proprio sulla super star più attesa: il nuovo giudice Mika.

A fare gli onori di casa è il maestro cerimoniere, un confermatissimo Alessandro Cattelan impegnato nella ricerca del ‘suono del talento’. Quello che verrebbe da chiedersi è però cosa sia da intendersi per talento. Molti risponderebbero che è un inclinazione a far bene qualcosa, tant’è che il talento viene definito innato, ma su questo sono proprio i giudici ad avere idee confuse.

Primo tra tutti Morgan che pur dando prova della sua cultura definendo uno dei concorrenti, (Gianpiero Curti), ‘osceno’, (nel senso greco di ‘fuori della scena’), sembra farsi sfuggire però il significato vero di talento: l’unità di misura della moneta ai tempi dell’Antica Grecia!

Simona Ventura un po’ altezzosa che però rimprovera ai concorrenti di non essere ‘umili’ e che sembra non aver perso l’abitudine a battibeccare con Morgan. L’unica cosa su cui sembrano concordare è il loro reciproco disaccordo. La ‘voce del popolo’ come lei stessa ama definirsi sembra votata alla ricerca della spettacolarizzazione pura. Spesso tara i suoi giudizi basandosi più sull’applauso del pubblico che su reali caratteristiche vocali dell’artista. Insomma non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace (e vende).

Così, mentre Elio resta un po’ alla finestra, più spettatore che partecipe di questa prima puntata, a catalizzare l’attenzione è inevitabilmente il cantante libanese naturalizzato inglese, il nuovo giudice Mika. Attesissimo dai fan del talent show, infila un’entrata ‘mica’ male scendendo dall’elicottero con tanto di scarpe chiodate. E’ lui la star e agli altri giudici non resta che raggiungerlo…a piedi.

Una disparità che però ha il sapore (e speriamo di sbagliarci) di una eccessiva esterofilia degli autori. La musica italiana non è certo seconda a nessun’altra forma di espressione artistica, cerchiamo di tenerlo bene a mente e di non sminuire i nostri artisti (che qui vestono i panni di giudici). Criticabili certo, ma sia Elio che Morgan restano cantanti, compositori e pluristrumentisti, insomma artisti di altissimo livello.

Difficile però intuire che piega prenderà il talent basandosi sulla sola prima puntata (che peraltro non è che la sintesi televisiva delle selezioni del nord Italia).  In perfetta distonia con la sua spettacolare entrata, Mika sembra invece abbastanza umile al tavolo dei giudici: parla poco ed ascolta molto. Con un italiano stentato, che però è già un must tra gli appassionati, il cantante anglo libanese da prova di competenza e attenzione calibrando i suoi giudizi in un giusto mix tra qualità tecniche e risposta di pubblico. Si cerca una ‘pop’ star e Mika lo ripete come un mantra. Che caratteristiche deve avere il nuovo talento del panorama musicale italiano? Sul palco si alternano gli aspiranti talenti ed i giudici sembrano indirizzarsi su un target molto preciso premiando più gli ‘amatori’ a discapito dei semi-professionisti, e le sorprese non mancano.

La prima è la giovanissima Valentina Tioli che fa ‘vedere la luce’ a Morgan e che a noi regala una interpretazione maiuscola della difficilissima canzone di Emelì Sandè. Non sono poi da meno Fabio Santini che strappa applausi con una coraggiosa rivisitazione di Capossela, e Roberta Pompa che non si lascia intimidire dalle ironiche allusioni di Mika (che dell’italiano sembra aver colto più che altro la ‘sottile’ ironia) che cantando Tori Amos lascia il pubblico, noi, e lo stesso Mika, letteralmente senza fiato.

La puntata vola via quindi con pochi alti e molti bassi come quei tanti ‘talenti’ compresi solo dalle nonne che per un applauso strappato si credono chissà chi, ed i talenti compresi solo da se stessi. Ma si sa questo è il Dna di X-factor e ‘formula che vince non si cambia’. Al massimo si migliora. Porte aperte quindi ai ‘guest judge’ che si alterneranno accanto ai ‘fantastici 4’ al tavolo della giuria e a cui ha fatto da apripista il bravo Fedez, chiamato questa settimana a giudicare gli aspiranti repper. Già dalla prossima puntata sarà la volta di Asia Argento, Marco Mengoni, Boosta e dell’intramontabile Linus. Altra novità di quest’anno sarà l’impiego (massiccio) dei nuovi media. La nuova stagione sarà infatti la più interattiva di sempre, con la possibilità di entrare nel backstage con il proprio tablet o telefono per curiosare dove non arriva la diretta, spiare i giudici con le ‘Judges Cam’ e registrare le puntate con un tweet.

Insomma se è vero che dove c’è fumo c’è anche l’arrosto non resta che aspettare il prossimo 3 ottobre, sperando di farsi una bella abboffata.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *